COVID L’AQUILA: “VACCINAZIONI PROCEDONO, POSSIBILE TERAPIA ANTICORPI MONOCLONALI AL SAN SALVATORE”

29 Aprile 2021 15:41

L’AQUILA – La Asl dell’Aquila al secondo posto in Abruzzo per la somministrazione dei vaccini, con una macchina organizzativa in grado di somministrare fino a 3mila dosi al giorno e, intanto, il reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale San Salvatore è stato accreditato per la somministrazione degli anticorpi monoclonali nella terapia Covid-19.

È quanto annuncia, in una nota, Chiara Mancinelli, consigliere comunale e vice capogruppo di Forza Italia, nonché presidente di III Commissione Consiliare Permanente Politiche Sociali Culturali e Formative del Comune dell’Aquila: “Nel corso della seduta di Commissione, che ho convocato in qualità di presidente, c’è stato un aggiornamento sullo stato dell’arte delle vaccinazioni Covid-19 portate avanti dalla nostra Asl”.

“È stata data evidenza di una grande macchina organizzativa, capace di somministrare anche 3.000 dosi al giorno – spiega Mancinelli –  Da dati elaborati da Poste Italiane e illustrati nel corso della seduta dal direttore sanitario della Asl 1,  Alfonso Mascitelli, è emerso che nella nostra provincia le somministrazioni dei vaccini procedono speditamente, ponendo in percentuale la nostra Asl al secondo posto in Regione Abruzzo. Un dato incoraggiante ed un risultato importante, illustrato anche dal dottor Aldo Giusti, responsabile del Distretto Area 1 L’Aquila, reso possibile dal grande lavoro svolto da tutto il personale impegnato, al quale va il mio personale ringraziamento”.

E ancora: “Nel corso della commissione il dottor Mascitelli ha anche riferito che l’Unità Operativa Malattie Infettive dell’Ospedale San Salvatore è stata accreditata per la somministrazione degli anticorpi monoclonali nella terapia Covid-19. Da quanto emerso il trattamento potrà essere effettuato in day hospital, ed i pazienti potranno accedervi secondo criteri definiti da un protocollo nazionale e regionale”.

“È importante non abbassare mai la guardia, vaccinarsi, seguire le prescrizioni del Governo e mantenere un atteggiamento consapevole e rispettoso delle regole. Solo così potremo proteggere i nostri cari e tornare ad una vita normale”, conclude Mancinelli.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Ti potrebbe interessare: