COVID, PETROCCHI: “BATTAGLIA NON PUO’ ESSERE GESTITA DA ELITE, E’ UN’IMPRESA DI POPOLO”

5 Aprile 2021 18:48

L’AQUILA – “Dopo la calamità del terremoto 2009, con le sue repliche del 2016 e 2017, si è abbattuta, nel nostro territorio, l’emergenza pandemica”.

È un passaggio dell’omelia del Cardinale Giuseppe Petrocchi nel corso delle celebrazioni per il 12esimo anniversario del terremoto del 6 aprile del 2009 in corso di svolgimento nella chiesa di Santa Maria del Suffragio, in piazza Duomo all’Aquila.

“Preghiamo per i deceduti a causa della epidemia, per quanti hanno contratto il contagio e per le loro famiglie. Esprimiamo profonda partecipazione a coloro che hanno subìto danni professionali e relazionali: nessuno è escluso dal nostro abbraccio fraterno e dalla nostra ‘prossimità fattiva’. Anche questa battaglia non può gestita solo da una élite, ma costituisce una impresa di Popolo. Non bastano atteggiamenti ‘virtuosi’ di una minoranza, che possono essere diluiti o azzerati da comportamenti dannosi di un’altra porzione di persone. Anche se le urgenti e necessarie strategie ‘tecnico-scientifiche’ e ‘farmacologiche’ (come la vaccinazione di massa) risolvessero nel tempo il problema sanitario, ma non venissero messi in campo gli indispensabili stili cognitivi e relazionali, segnati da una coesione matura e fattiva, i costi umani – come anche i guasti sociali ed economici – sarebbero disastrosi, e questo non possiamo permettercelo”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA


    Ti potrebbe interessare: