COVID, PRIMO MAGGIO DI LAVORO PER OPERATORI DEL PALA MASCIANGELO DI LANCIANO

1 Maggio 2021 18:03

LANCIANO – “Nel 1° maggio che ricorre nel pieno della campagna vaccinale il mio pensiero va ai nostri dipendenti e ai tantissimi volontari anche oggi in prima linea per mettere in sicurezza la salute di anziani e persone fragili. Essere al lavoro in questa giornata e per questa finalità è  l’omaggio più bello e nobile da rendere a questa ricorrenza. E ringrazio davvero tutti”.

Queste le parole del direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti intervenuto all’inaugurazione dell’hub vaccinale al Pala Masciangelo, a Lanciano, insieme al sindaco Mario Pupillo e ala responsabile Manola Rosato. La struttura è stata subito operativa, con le prime 250 persone vaccinate nella mattinata con fluidità e senza intoppi: file ordinate, niente lunghe attese, accoglienza scrupolosa e attenta da parte dei volontari del Rotary, Protezione civile, Croce Rossa, Comitato #maniuniteperpadova, associazione La Conchiglia e Avo. Con una capacità “produttiva” di 700 vaccini al giorno il Pala Masciangelo offrirà un contributo importante alla campagna vaccinale, che, dopo l’exploit di giovedì, anche ieri ha fatto registrare  numeri importanti, con 3.984 dosi somministrate e Vasto nella parte del leone con 948.

Sempre oggi altre équipe sono state impegnate nelle vaccinazioni sia negli Hub che a domicilio, come quella di Guardiagrele, guidata da Lucilla Gagliardi, approdata a Rapino; lo stesso vale per alcuni medici di medicina generale e la task force dell’esercito nel Sangro-Aventino.

Altro aspetto importante la vaccinazione domiciliare dei pazienti oncologici seguiti dall’équipe di Cure palliative, guidata da Pier Paolo Carinci, che svolge un’attività silenziosa e assai preziosa.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Ti potrebbe interessare: