COVID, “PROROGA STATO EMERGENZA INGIUSTIFICATO”. PALMA E BECCHI, “DOVE SI VUOLE ARRIVARE?

27 Luglio 2021 08:06

Italia: Cronaca

L’AQUILA – “Non bastava l’odioso green pass, nello stesso decreto abbiamo la proroga della proroga della proroga dello stato di emergenza (art. 1 del decreto-legge del 23 luglio 2021, n. 105). Giusto protestare per il lasciapassare sanitario, come sta avvenendo in diverse città d’Italia, però sta passando in sordina la proroga dello stato di emergenza al 31 dicembre 2021. Ma di quale emergenza stiamo parlando?”.

Lo scrivono l’avvocato, giurista e scrittore Giuseppe Palma e il filosofo e accademico Paolo Becchi in un articolo pubblicato su NicolaPorro.it.

“Il 31 gennaio 2020 – ricordano Palma e Becchi – lo stato di emergenza fu dichiarato con delibera del Consiglio dei ministri sulla base dello spauracchio delle notizie che provenivano dalla Cina, ma il governo, all’epoca giallo-rosso, garantiva serenità: ‘abbraccia un cinese!’. Poi il virus è arrivato e tutto il Paese è stato segregato in lockdown per circa due mesi, causa le insufficienti terapie intensive a disposizione. A luglio Conte e Speranza si dichiararono vincitori e commisero l’errore di realizzare appena 1.200 terapie in più rispetto alle 5.400 iniziali. Il virus sembrava scomparso ma il governo prorogò ugualmente lo stato di emergenza fino al 15 ottobre”.

“Poi arrivò la seconda ondata – continuano nella loro analisi – e nacquero le zone (rosse, arancioni, gialle e bianche), con le terapie intensive nuovamente sotto stress. Sì, perché per quella vera emergenza di posti letto in terapia intensiva si fece ben poco. Il primo spavento non era servito a nulla, tanto è vero che di proroga in proroga sono ormai diciotto mesi che siamo in stato di emergenza permanente, con l’ultima proroga ora prevista fino al 31 dicembre 2021. Con Draghi la musica non è cambiata, tranne il fatto che il numero di terapie intensive è ulteriormente aumentato di circa mille posti letto. Insediatosi a Palazzo Chigi a metà febbraio, quella dell’attuale governo è già la seconda proroga in appena cinque mesi. La scusa è la variante Delta del virus, più contagiosa rispetto al ceppo originario. Ma quali sono i dati che giustificherebbero una ulteriore proroga dello stato emergenziale?”.

“Lo scorso 25 luglio il tasso di positività (percentuale tamponi effettuati-contagi) era all’1,99%, dato lontanissimo dalla forbice 12-19% di novembre scorso, le terapie intensive occupate 172 su 7.781 posti disponibili (il 2,2%) e 5 decessi. Lo stato di emergenza è regolato dal D.Lgs. n. 1/2018, che all’art. 7, primo comma, lettera c) prevede che esso possa essere dichiarato o prorogato solo per ‘emergenze di rilievo nazionale connesse con eventi calamitosi di origine naturale o derivanti dall’attività dell’uomo che in ragione della loro intensità o estensione debbono, con immediatezza d’intervento, essere fronteggiate con mezzi e poteri straordinari da impiegare durante limitati e predefiniti periodi di tempo…’. Dov’è oggi l’intensità che giustifichi l’immediatezza di intervento con mezzi straordinari? Cinque morti, col 2,2% di terapie intensive occupate: questa sarebbe l’intensità? Non muoiono tutti i giorni più anziani per via del caldo estivo? E soprattutto, dove sono i ‘limitati e predefiniti periodi di tempo’ visto che siamo già alla quinta proroga in un anno?”, si chiedono ancora Palma e Becchi.

“La variante, c’è la variante! Il governo con questa scusa ha introdotto il green pass obbligatorio per convincere i refrattari, a vaccinarsi. Siamo del tutto contrari, ma non bastava già questo? Ci voleva anche lo stato di emergenza? Continuare ad impiegare mezzi e poteri straordinari in deroga allo stato di diritto, per fare cosa? Per consentire all’esercito di entrare finalmente in casa della gente col manganello – Ops! Pardon! – con la siringa?”, concludono.

La bugia per prorogare lo stato d’emergenza

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: