CUOCHI D’ITALIA, LO CHEF ALESANDRO DI STEFANO IN GARA PER L’ABRUZZO

10 Marzo 2021 11:25

Regione: Cronaca

CAPRIATE SAN GERVASIO – Da questa sera alle 19:30 su Tv8 lo chef Alessandro Di Stefano gareggerà contro altri chef a colpi di pietanze abruzzesi, nell’ambito del programma Cuochi d’Italia, lo show condotto da Alessandro Borghese, che prevede una sfida tra cuochi provenienti dalle diverse regioni dello stivale. Alessandro Di Stefano, in gara per l’Abruzzo, non è nuovo sul piccolo schermo: già nel 2019 aveva infatti partecipato al programma di Rai1 La Prova del Cuoco, condotto da Elisa Isoardi.

Alessandro Di Stefano: “Amo le sfide e sono emozionato di partecipare a Cuochi d’Italia, sono molto legato alla mia terra e spero di portare un po’ di Abruzzo nei cuori dei telespettatori”.

Nella vita Alessandro Di Stefano è responsabile di cucina presso l’Ospedale F. Renzetti di Lanciano, originario di Tornareccio, lavora da quasi un anno per Dussmann Service, passando in pochi mesi da cuoco a responsabile di cucina. Nella sua cucina Alessandro Di Stefano coordina 7 operatori per la preparazione di circa 600 pasti giornalieri, e in qualità di responsabile è tenuto non solo ad assicurarsi la corretta preparazione dei menu in base alle diete specifiche, ma anche a vigilare su tutte le misure di sicurezza contro il Covid-19 a tutela di lavoratori e utenza: vigila sul corretto utilizzo dei Dpi e sul mantenimento della distanza di sicurezza tra gli operatori durante l’orario di lavoro. In occasione delle festività vengono realizzati menu speciali con piatti tipici della tradizione abruzzese.

Il Gruppo Dussmann impiega oltre 60.000 persone in 22 paesi. Dussmann Service fornisce l’intera gamma di servizi di facility: Pulizia, Catering, Sicurezza e Reception, Servizi Tecnici ed Energy Management. Nel 2020, il gruppo Dussmann a livello globale ha realizzato un fatturato oltre 2 miliardi di euro, di cui circa 536 Milioni a livello nazionale, che lo rende uno dei più grandi provider di multi-servizi privati di tutto il mondo.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: