DA MONTORIO A X FACTOR, ABRUZZO IN FESTA:
CASADILEGO VINCE QUATTORDICESIMA EDIZIONE

11 Dicembre 2020 09:05

ROMA – Alla fine è stata una favorita della vigilia, la 17enne Casadilego all’anagrafe Elisa Coclite (categoria Under donne, guidata dal rapper Hell Raton), cantautrice abruzzese intensa e struggente, a conquistare la 14esima edizione di x Factor. Nell’ultima manche la lotta è stata “testa a testa” con il duo rock Little Pieces of Marmalade. La fata dai capelli turchini, di Montorio al Vomano (Teramo) che studia pianoforte classico e suona la chitarra ha conquistato il pubblico da casa e si è aggiudicata la stagione.

Quest’edizione 2020 ai tempi del Coronavirus, a cui hanno lavorato 750 persone tra 8.000 tamponi, più di 20 mila mascherine 300 litri di igienizzante, ha ricordato il conduttore Alessandro Cattelan che ha annunciato l’addio al programma dopo 10 anni , si è aperta con il ritorno sul palco degli altri concorrenti, Eda Mari, Blue Phelix Manitoba, Santi Mydrama, Vergo, Cmqmartina, e i sempre carismatici Melancholia. La novità per la prima manche, delle esibizioni dei finalisti insieme ai loro giudici, comincia con il perfetto matrimonio rock tra i Little Pieces of Marmelade e Manuel Agnelli (pantaloni di vinile, petto nudo e chitarra elettrica), in Veleno degli Afterhours. Melò rap/pop per Blind con Emma in La Fine, successo di Tiziano Ferro e Nesli.

Piano e voce, Casadilego tratteggia la cover di Stan, brano iconico di Eminem Feat Dido, con Hell Raton che vira i versi anche in spagnolo. N.A.I.P (Michelangelo Mercuri) mette in luce un’anima dixieland/swing in Lollipop nel duetto con Mika, ma la performance non convince il pubblico, e l’estroso e talentuoso finalista ‘Over’ è il primo eliminato della serata. Per la seconda manche spazio ai “best of”, il meglio fatto in X factor, dai concorrenti: atmosfere sognanti e un mare di blu, per Casadilego, che emozionata, al piano inizia con Kitchen Sink dei Twenty One Pilots, unendoci una coinvolgente Xanny di Billie Eilish per concludere alla chitarra, sicura, con A case of you di Joni Mitchell. E dalle parole dei giudici già si sente aria di vittoria: “È incredibile tu abbia una voce così oceanica all’età che hai” commenta Agnelli.

“Non ho mai visto così tanto talento in una sola persona”, nota Emma Marrone. “Mi sono reso conto che lei è come me, non ha paura di osare e sperimentare”, spiega il suo giudice Hell Raton. Blind, in tre suoi brani originali, trova via via fiato, convinzione ed emozione in Bambino sulla cover di Per me è importante dei Tiromancino, e si appoggia senza dubbi alle orecchiabili cornici sonore di Cicatrici e Affari Tuoi. I Little Pieces of Marmelade fanno una summa del loro percorso chitarra, voce e batteria con I Am the Walrus dei Beatles, accompagnati dagli archi; Bullet With Butterfly Wings dei The Smashing Pumpkins e Gimme All Your Love degli Alabama Shakes. Complimenti da tutti i giudici per la loro forte personalità musicale che conquista anche gli spettatori. Il duo rock infatti un po’ a sorpresa arriva alla fase finale, mentre si ferma un altro favorito, Blind che però porta a casa un Disco d’oro per il suo singolo Cuore nero.

L’ultima manche si gioca sui brani inediti manifesto, Casadilego al piano con la sua “Vittoria” e i Little Pieces of Marmelade (“che sono entrati nella playlist globale di Spotify”, ricorda Agnelli) con l’adrenalinica Oh Oh Oh. Trionfa, in una gara che Cattelan definisce testa a testa, al televoto, Casadilego, che essendo minorenne, non può riproporre il brano, perché si sta andando oltre la mezzanotte. Ospiti della puntata i Negramaro, con “Fino all’imbrunire”, “La prima volta”, “Contatto” e insieme a Madame, che li raggiunge sul palco “Non è vero niente”. Spazio anche alle performance dei giudici: Emma Marrone in Latina; Hell Raton in Alaska con Lazza per “Weekend”, Mara Sattei in “Altalene” e in consolle Slait; Manuel Agnelli insieme ai suoi Afterhours in Quello che non c’è; Mika con un medley di Tiny Love, Origin of Love, Relax, Good Guy e Grace Kelly.

Casadilego è figlia d’arte, suo padre Massimiliano Coclite è, infatti, un musicista jazzista molto apprezzato nel mondo del jazz, insegnante al conservatorio Casella di L’Aquila, così come musicista e cantante la madre a cui la 17enne si è sempre ispirata. La passione per la musica si può dire derivi dunque dai suoi genitori, sostenendola ed incoraggiandola nello studio del pianoforte da giovanissima e a soli nove anni della chitarra. Casadilego lo pseudonimo con cui è conosciuta Elisa Coclite nel mondo del web, sembrerebbe un omaggio che lei stessa ha fatto al suo artista preferito Ed Sheeran, il nome d’arte è infatti la traduzione di “Lego House” titolo di un brano del cantautore britannico.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA


    Ti potrebbe interessare: