DEFR, FEBBO: “PAOLUCCI EVITI DI FARE IL COPIA E INCOLLA SENZA LEGGERE I DOCUMENTI”

29 Luglio 2021 18:25

Regione: Politica

CHIETI- “Puntuale come una cambiale è arrivato l’intervento di Silvio Paolucci che, appena terminato il suo intervento in Commissione, ha fatto partire il solito comunicato stampa di critiche al Documento di Economia e Finanza regionale senza neanche attendere le repliche mia e dell’assessore al Bilancio Guido Liris”.

Lo scrive in una nota il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Mauro Febbo, che sottolinea: “Basta leggere la sua nota per capire che si tratta di una fotocopia di quella dello scorso anno, forse neanche questa volta ha avuto modo di leggere con attenzione le 312 pagine del Documento che per la seconda volta viene approvato entro i termini di legge (30 giugno)”.

“Nel corso della passata amministrazione regionale, nella quale Paolucci era assessore al Bilancio, invece, si andava ben oltre i limiti e bisognava attendere novembre e a volte il DEFR veniva addirittura licenziato con il Bilancio di previsione. Fa specie che Paolucci non sappia, o finge di non sapere, che da poche settimane si conosce la ripartizione delle risorse relative alla nuova programmazione europea 2021-2027 mentre per quanto riguarda le linee guida sono al lavoro i tavoli nazionali. Sul PNRR c’è un ampio dibattito sul ruolo che le Regioni reclamano mentre si registrano le resistenze del Governo nazionale nel delegare la programmazione alle stesse”.

“Poi, Paolucci si è lanciato nella solita litania del disavanzo della Sanità. Lo scorso anno, 2020, parlava di 200 milioni di euro mentre i bilanci delle Asl hanno certificato tutt’altro; oggi, 2021, invece, asserisce che siamo solo (!!!) a 130 milioni. Forse la rete ospedaliera varata dalla Giunta regionale, che sta raccogliendo grandi condivisioni, suscita nel capogruppo del Pd qualche sentimento di invidia. Infine, lo invito, per il prossimo anno, a cambiare registro e magari a evitare il copia e incolla dei suoi comunicati”, conclude Febbo.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: