Di Stefano (AN) sul Marrucino

17 Dicembre 2007 00:00

- Cultura

Ormai la giunta Ricci è capace solo di fare danni alla città» è quanto dichiara il consigliere regionale di An Fabrizio Di Stefano. «Quest’estate abbiamo vissuto il dramma dell’acqua – spiega Di Stefano – poi abbiamo assistito allo scempio del Villaggio del Mediterraneo, qualche giorno fa, con il preoccupante silenzio del sindaco, è stato approvato il piano regionale dei rifiuti che candida Chieti a divenire pattumiera dell’area metropolitana, ieri – in ultimo – la notizia che il Marrucino perde il suo principale artefice ed animatore: il maestro Sergio Rendine». «In pochi mesi – continua l’esponente di An – il centro-sinistra cittadino è riuscito a distruggere anche il fiore all’occhiello della città, l’istituzione che tutti ci invidiavano, il più grande motore abruzzese di produzione artistica nel campo lirico e sinfonico: con le dimissioni di Sergio Rendine tocchiamo il punto più basso mai registrato dalla città di Chieti, neanche Attila avrebbe saputo fare di meglio». «Dopo le dichiarazioni pesantissime a corredo della rinuncia ad andare avanti di Rendine – conclude Di Stefano – c’è un unico modo per chiudere in maniera un po’ meno misera tutta la vicenda: le dimissioni dell’assessore Di Cosmo e la revoca del commissario straordinario, che di straordinario ha avuto solo la capacità di dissipare il patrimonio artistico del Marrucino».

Fonte: ACRA

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: