ELEZIONI COMUNALI: D’ERAMO, “A L’AQUILA MASSIMO IMPEGNO PER VINCERE AL PRIMO TURNO”

16 Maggio 2022 15:47

L'Aquila: Politica

L’AQUILA – A L’Aquila  daremo il massimo sforzo per per poter vincere sin dal primo turno,  non si può perdere un solo giorno, per il buon governo della città, e va evitato l’allungamento delle elezioni con l’eventuale secondo turno. Lo dico nella consapevolezza che il centrodestra unito e compatto, con Pierluigi Biondi sindaco, esprime la migliore proposta programmatica rispetto alla quale c’è una perfetta sintonia anche con la cittadinanza e con l’elettorato”.

Lo afferma nell’intervista streaming il deputato della Lega, e coordinatore regionale, Luigi D’Eramo, sulle elezioni comunali del 12 giugno, con ballottaggio previsto il 29 giugno.

“La Lega si ripresenta davanti gli elettori a L’Aquila – prosegue D’Eramo -, con i risultati ottenuti dai suoi tre assessori, Fabrizia Aquilio, Daniele Ferella e Fabrizio Taranta: risultati che sono sotto gli occhi di tutti, dalla gestione delle politiche dell’ambiente e della transizione ecologica,  relativi all’urbanistica di tutto il territorio, e ancora gli ottimi dati del turismo, pubblicati nei giorni scorsi, e che dimostrano quanto L’Aquila oggi abbia fatto passi da gigante in un settore che era stato sempre un po’ il tallone d’Achille per il capoluogo di regione.  Il lavoro che abbiamo svolto, all’interno del centrodestra con la guida di Pierluigi Biondi,  ha con tutta evidenza riportato L’Aquila al centro del protagonismo regionale e nazionale”.

Passando ad altre partite di peso regionali, come Ortona, Spoltore e Tortoreto, accade però che la compattezza del centrodestra è venuta meno: ad Ortona Forza Italia appoggia Angelo Di Nardo, a Spoltore sono tre i candidati del centrodestra, uno che fa riferimento al presidente del consiglio regionale Lorenza Sospiri, di Fi, uno al capogruppo della Lega, Vincenzo D’Incecco, e l’ultimo all’avvocato Marina Febo, candidata alle regionali nelle file di Fi.  A Tortoreto  la Lega dopo la bocciatura da parte degli alleati del sindaco uscente, Domenico Piccioni, corre da sola a sostegno del poliziotto Nico Carusi.

Spiega dunque D’Eramo: “si tratta di logiche e di condizioni locali e localistiche.  Ma non siamo davanti a una spaccatura nel centrodestra, come qualcuno cerca di raccontare. Ripeto,  sono logiche territoriali e nel rispetto delle autonomie territoriali, non possiamo che prenderne atto”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: