ELEZIONI, FACCIA: “SERVIZI E INFRASTRUTTURE, LA NOSTRA MONTAGNA IL FUTURO DELL’AQUILA”

1 Giugno 2022 08:03

L'Aquila - Abruzzo, Politica

L’AQUILA – “Sono sceso in campo perché voglio contribuire a rendere la nostra montagna il futuro dell’Aquila”.

Queste le parole di Luigi Faccia ex consigliere comunale e candidato nella lista Civici e Indipendenti nella coalizione del centrodestra del candidato sindaco Pierluigi Biondi alle prossime elezioni aministrative in programma all’Aquila il 12 giugno.

Faccia è maestro di sci e direttore della scuola sciistica e da allenatore ha girato tutta l’Italia, “sono 40 anni che vivo la montagna, in particolare Campo Imperatore”.

“Il mio grande sogno è quello di vedere il Gran Sasso ‘infrastrutturato’,  il futuro che merita. Al momento con la mancanza di infrastrutture e con i vincoli pressanti dovuti alle direttive europee sull’ambiente purtroppo ci troviamo un comprensorio poco dotato sia di impianti a fune per il trasporto pubblico, sia di servizi al turismo. Quindi vediamo la nostra stazione un po’ monca, con grandi possibilità dal punto di vista turistico a 360°, estate e inverno. Purtroppo però siamo limitati in quanto non possiamo offrire più che la location”.

“La prima cosa che farei se venissi eletto è portare avanti l’iter delle firme raccolte nel 2017 per la rimodulazione dei vincoli dei siti di interesse comunitario e delle zone di protezione speciale. Questo significa spostarli togliendoli dalle zone antropizzate,dove c’è l’uomo con tutte le sue strutture,  la sua fogna e le sue reti idriche. Per quanto riguarda la stazione invernale turistica, dal 1933 sono stati messi sopra vincoli dove già c’era una ‘zona ambientalmente compromessa’ (che compromessa non è), però c’è l’uomo. Quindi il mio primo punto all’ordine del giorno è la rimodulazione di questi vincoli che sono opprimenti”.

E ancora: “Poi passerei all’infrastrutturazione della stazione che consisterebbe nel dotarla di quei servizi minimi, non mi riferisco ad alberghi o strutture residenziali, ma bisogna strutturare il territorio con rifugi, sentieri, impianti a fune. Perché l’impianto a fune è il mezzo più green che esiste ad oggi nel mondo per il trasporto pubblico delle persone. Quindi dovremmo abbandonare la visione alterata che abbiamo dell’impianto, dobbiamo capire che non serve soltanto per lo sci, ma anche per portare in generale gente in montagna, dando la possibilità di lasciare le auto a valle. Un concetto a tutela dell’ambiente”.

“Vorrei aiutare il sindaco a completare quello che non è stato portato a termine. Per quanto riguarda la città dell’Aquila, indubbiamente c’è stato un aumento di afflusso turistico dovuto anche a manifestazioni bene organizzare. Insomma L’Aquila sta cominciando ad avere un volto diverso”.

Tra le criticità: “L’Aquila avrebbe bisogno di parcheggi esterni per rendere più accessibile e vivibile il centro. E poi, quando sono stato consigliere comunale, durante il terremoto, ci sono state varie occasioni per poter fare nuove aree verdi in città, purtroppo l’amministrazione di allora ha scelto di ricostruire dove e come era prima”.

Parlando di previsioni in vista delle elezioni: “Io sono candidato col sindaco uscente Pierluigi Biondi e dico che vincerà lui: ma diciamo che è un dato numerico e di fatto. Dall’altra parte vediamo una contrapposizione forte tra due correnti una più moderata e una più di sinistra che vanno a dividere dell’elettorato e anche a ‘sparigliarlo’ a favore della nostra coalizione. Probabilmente si vincerà al primo turno senza arrivare al ballottaggio, anche se l’urna riserva sempre sorprese”.

Infine rivolgendosi agli elettori: “L’appello che faccio agli aquilani è anzitutto quello di andare a votare. Da ‘tifoso’ chiedo di scegliere la coalizione di centrodestra e di votare me per aiutarmi a cambiare sempre in meglio la nostra montagna così da renderla fruibile ed economicamente compatibile all’uomo e all’ambiente”, conclude.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: