ELEZIONI PROVINCIA L’AQUILA, GIOVAGNORIO SFIDA CARUSO: SINDACO TAGLIACOZZO IN CORSA PRESIDENZA

16 Novembre 2021 18:09

L'Aquila - Politica

TAGLIACOZZO – Vincenzo Giovagnorio, sindaco appena riconfermato a Tagliacozzo alla guida di una lista civica, invitato da numerosi amministratori e da diverse forze politiche ad ampliare il suo impegno per la Provincia dell’Aquila, dà la propria disponibilità a candidarsi per la guida dell’Ente.

Alle elezioni provinciali, fissate per il 18 dicembre prossimo, con cui si dovrà eleggere non solo il presidente, ma anche il nuovo consiglio,  Giovagnorio sfiderà il presidente uscente, l’avvocato 55enne Angelo Caruso, sindaco di Castel di Sangro.

Confermate dunque le ipotesi della partecipazione alla competizione elettorale di Giovagnorio che, come anticipato da AbruzzoWeb,  riunisce molti primi cittadini del fronte anti-Caruso che vedono una possibilità di vittoria contro l’armata del sindaco di Castel di Sangro nella figura di un candidato marsicano e civico, con buone relazioni anche nel centrodestra che amministra nella maggior parte dei comuni popolosi della Marsica e anche dell’intera provincia. Lo stesso Giovagnorio in una nota spiega di aver ricevuto “tante sollecitazioni dai colleghi sindaci, dagli amministratori e dalle parti politiche”.

Suoi principali sponsor il sindaco civico di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio –  “sospeso” a seguito di una sentenza nel processo delle auto blu, relative a fatti del 2014, quando era direttore in Provincia – e il consigliere provinciale Roberto Giovagnorio, ex vicesindaco di Tagliacozzo.

“Con lo stesso spirito di servizio che mi ha spinto a lavorare con totale abnegazione nell’esclusivo interesse del mio territorio comunale – spiega in una nota Giovagnorio – a seguito delle tante sollecitazioni ricevute dai colleghi sindaci, dagli amministratori e dalle parti politiche sono onorato di dare la mia disponibilità alla candidatura a presidente con l’intento di perseguire obiettivi di buon governo nell’intera Provincia. Tale lavoro non può che esser compiuto secondo i principi di equità e onestà, attraverso una proficua collaborazione tra le forze civiche e politiche disponibili a collaborare in sintonia in vista delle grandi sfide che attendono la Provincia e il Paese intero. Un impegno nel solco dell’europeismo nel contesto delle grandi opportunità che l’Europa offre con il next generation Eu”.

Giovagnorio, quindi, è pronto a scendere in pista, per giocare la partita del futuro in prima linea insieme ai sindaci e amministratori del vasto territorio aquilano.

In ballo, infatti, ci sono tante nuove opportunità, “in primis il P.N.R.R. In vista delle future prospettive a cui l’Europa ci chiama”, aggiunge Giovagnorio “il territorio provinciale dell’Aquila non può più permettersi divisioni e campanilismi: c’è bisogno di unità, coesione e di un deciso cambio di rotta per il nostro futuro. La Provincia dell’Aquila dovrà essere intesa non più come una tripartizione di territori e una costellazione di Comuni divisi tra loro, bensì come un’unica grande realtà che con coesione e lungimiranza sostiene e afferma i propri interessi in sintonia con le altre province abruzzesi. La Provincia fungerà da raccordo anche con i piccoli centri per intercettare le risorse messe in campo dall’Europa, in linea con il pensiero del premier, Mario Draghi, che ha riconosciuto ai Comuni un ruolo di primo piano per la gestione del P.N.R.R.”.

Il sindaco, quindi, forte della vittoria a Tagliacozzo, “dove la buona amministrazione nel segno dell’inclusione del primo mandato ha prodotto la pacificazione degli animi e l’unione di diverse forze politiche”, è pronto a unire le energie per condividere un progetto di crescita su scala provinciale.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
  1. blank
    ELEZIONI PROVINCIA L’AQUILA, TAVOLO FDI RIBADISCE SOSTEGNO A CARUSO: “TERRITORIO UNITO E COESO”
    L'AQUILA - "Le sfide che ci attendono devono vedere il territorio unito e coeso, capace di dare voce alle diverse istanze delle aree interne". A so...
Articolo

Ti potrebbe interessare: