ELEZIONI VASTO: CENTRODESTRA COMPATTO A SOSTEGNO CANDIDATO SINDACO GIANGIACOMO, “GUIDO UNA FERRARI”

19 Luglio 2021 14:25

Chieti: Abruzzo

VASTO – “Ho aspettato che mi dessero una Ferrari, quindi ora posso partire, anche dai box. Il mio slogan è una nuova opportunità per Vasto, città che in questi quindici anni ha fatto solo esperienze fallimentari. E’ venuto il tempo di affidare la città ad un centrodestra unito e compatto, aperto alle civiche”.

Così  il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, l’avvocato Guido Giangiacomo, candidato sindaco di un centrodestra che a Vasto si presenta a ranghi completi e compatti, e di questo se ne è avuta plastica rappresentazione questa mattina, nella prima uscita ufficiale dell’ex assessore nella Giunta di Filippo Pietrocola, che dovrà sfidare ad ottobre in primis il candidato del centrosinistra, il sindaco uscente Francesco Menna.

Al Mirò di piazza Pudente, c’erano infatti oltre al candidato, i coordinatori regionali Luigi D’Eramo (Lega), Nazario Pagano (Forza Italia), Etelwardo Sigismondi (Fratelli d’Italia), Enrico Di Giuseppantonio (Udc), Mimmo Srour (Coraggio Italia) ed anche Vittorio Sgarbi, di Rinascimento. E ancora, il consigliere regionale di Fi, Mauro Febbo, della Lega, Sabrina Bocchino, gli assessori regionali leghisti, Nicola Campitelli e Nicoletta Verì, oltre a vari amministratori e quadri di partito del territorio.

Giangiacomo nel 1994  è stato tra i fondatori di Forza Italia a Vasto, e candidato sindaco. La sua investitura è giunta dopo un  percorso che ha fatto registrare inaspettate defezioni, come quella dei consiglieri comunali leghisti che hanno scelto di appoggiare la proposta di Alessandra Notaro e quindi sono usciti dal partito.

“Con tanti degli esponenti politici oggi presenti – ha detto Giangiacomo – sono cresciuto politicamente insieme, penso a Bocchino e Sigismondi, condividiamo praticamente tutto,  ed anche per questo c’è clima di grande entusiasmo intorno a questo progetto politico. Anzi, il fatto che la candidatura sia stata decisa per così dire in ritardo, rispetto ad altri competitor,  ha sortito il cosiddetto ‘effetto molla’, ha favorito una vera convergenza”.

Ha poi aggiunto: “stiamo aggregando le liste civiche, il progetto non si ferma infatti ai soli partiti del centrodestra,  con alcune il discorso è avviato, altre mi stanno contattando in queste ore. Organizzeremo gruppi tematici, per disegnare quella che sarà la città di Vasto per i prossimo anni, per definire quello che sarà il nostro programma, ambizioso e condiviso, che sarà deciso ascoltando i cittadini, con una campagna di ascolto che toccherà tutti i quartieri. Andremo dappertutto, dove si può toccare anche con mano i danni che ha fatto questa amministrazione in 15 anni. Una amministrazione che non ha dato risposte,  ed è difficile che ne possa darne in futuro, nei prossimi cinque anni”.

LA DIRETTA

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: