ELEZIONI VASTO, MENNA: “VORREI ALTRI 1.800 GIORNI PER CONTINUARE A COSTRUIRE”

27 Settembre 2021 16:12

Chieti: ELEZIONI 2021

VASTO – “Sarà una settimana intensa, continueremo a confrontarci con i cittadini. Non sono bravo con i pronostici, in questi giorni però ho incontrato tanti cittadini. Ci sono questioni lasciate a metà, vorrei ancora 1.800 giorni per continuare a costruire, a contribuire allo sviluppo e al progresso della città, per una Vasto del benessere”.

Si apre l’ultima settimana di campagna elettorale e il candidato sindaco di centrosinistra, il primo cittadino uscente Francesco Menna, in un’intervista ad AbruzzoWeb, traccia un primo bilancio di queste settimane movimentate e ripercorre i punti salienti del programma.

Menna parla di “una bellissima risposta da parte dei cittadini, grandi ringraziamenti per i risultati raggiunti nonostante il problema del covid e la grande crisi finanziaria. Tanti i lavori rimasti a metà che ci aspettiamo di concludere”.

E sottolinea: “Uno dei punti su cui la politica deve fare squadra è il tema del lavoro, è su questo che dovremmo concentrare le forze. Il sindaco di Vasto dovrà mordere le gambe a Regione e Stato affinché ci sia la giusta attenzione rispetto a quelle che si preannunciano come crisi occupazionali, ma soprattutto alla possibilità di creare un territorio attarente per le imprese”.

A tal proposito: “Ci sono campanelli di allarme che arrivano dalla Val di Sangro, in particolare dalla Sevel, dove ci sono diversi lavoratori di Vasto e del Vastese. Altri campanelli d’allarme suonano invece a San Salvo, dove c’è la Denso, la Pilkington e altre aziende importanti. È vero che arriverà Amazon, ma non rappresenta un punto di arriva sul fronte dal lavoro, ma un punto importante di partenza, con questo grande colosso bisognerà collaborare per creare virtuosismi e opportunità. Ma questa situazione di crisi del sistema industriale deve concentrare le nostre riflessioni e il nostro modo di fare politica. Dobbiamo costruire dei tavoli programmatici, e non è un caso la visita di domani del ministro Andrea Orlando, per iniziare una discussione fertile con il Ministero, affinché ci siano garanzie per conservare i posti di lavoro”.

Per quanto riguarda l’emergenza covid: “abbiamo rappresentato un punto di riferimento per l’Abruzzo e non solo. Siamo il punto vaccinale più produttivo, più organizzato. Siamo diventati un motivo di orgoglio della Regione, chi oggi vuole fare il sindaco deve sapere che deve essere sempre reperibile. Non si fa il sindaco tagliando i nastri”.

 

Commenti da Facebook
RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: