EMERGENZA CINGHIALI AD ATESSA: RIUNIONE IN PREFETTURA DI CHIETI PER STUDIARE CONTROMISURE

25 Maggio 2023 14:04

Chieti - Cronaca

CHIETI – Ieri, presso la Prefettura di Chieti, si è tenuta una riunione di coordinamento per condividere, tra tutti gli Enti coinvolti, le misure più idonee a fronteggiare l’emergenza connessa alla presenza di ungulati selvatici nella specifica area territoriale di Atessa.

Con la occasione si è avuto modo di verificare anche la situazione nel resto della provincia.

Alla riunione, presieduta dal Prefetto Mario Della Cioppa, hanno partecipato tra gli altri, il questore di Chieti,  Francesco De Cicco, il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli,  il quale con propria nota trasmessa anche alla Prefettura aveva auspicato un incontro tra gli Enti competenti





LA NOTA 

Nel corso dell’incontro, durato circa 2 ore, è emerso come tutti i soggetti istituzionali chiamati a fronteggiare l’emergenza connessa alla presenza di cinghiali in provincia siano consapevoli delle dimensioni assunte dalla problematica e si siano, da tempo, impegnati a porre in essere, ciascuno per quanto di competenza, tutte le misure idonee a fronteggiare la criticità e contenere i rischi per la collettività, tanto sul piano della sicurezza, quanto su quello sanitario, ricorrendo al supporto di cacciatori di selezione volontari, debitamente formati ed autorizzati.

La presenza di ungulati selvatici è, infatti, foriera dell’incremento, nello scorso anno, di incidenti stradali dovuti all’impatto con gli animali selvatici, anche su strade urbane, mentre la proliferazione incontrollata del numero di cinghiali potrebbe accrescere il rischio di diffusione del virus della cosiddetta peste suina africana, costantemente oggetto di monitoraggio da parte dell’ISPRA ed al momento non presente in provincia.

L’emergenza, ovviamente non limitata al solo Comune di Atessa, ma che su quel territorio ha raggiunto numeri allarmanti di segnalazioni di avvistamenti di cinghiali, coinvolge anche il settore agricolo, il quale, dai dati forniti dall’Ispra, avrebbe riportato danni alle coltivazioni nella sola provincia di Chieti, in quantità superiore a quelli registrati mediamente in altre province.





Pertanto, il Prefetto Della Cioppa ha invitato il competente Servizio del Dipartimento Agricoltura Regione Abruzzo a continuare a fornire il proprio supporto ai sindaci della Provincia e, contestualmente, a sollecitare gli stessi a procedere ad una aggiornata analisi delle criticità locali, richiamando l’attenzione sulla necessità emanare ordinanze sindacali dettagliate.

Il Prefetto ha inoltre richiesto alla Polizia Provinciale di procedere ad una riunione di coordinamento tecnico operativo, alla quale partecipino referenti del Dipartimento Agricoltura regionale oltre al Sindaco e alla Polizia Locale di Atessa, nonché l’ATC Vastese, con la consulenza dell’ISPRA, ed alla quale saranno invitati la Compagnia Carabinieri di Atessa ed il Corpo Forestale Carabinieri, al fine di individuare i servizi ulteriori da attivare, in aggiunta a quelli già in atto, per potenziare l’attività di contenimento e individuare ulteriori misure alternative, per evitare l’avvicinamento dei cinghiali ai centri abitati ed alle coltivazioni.

All’esito delle attività operative richieste dal Prefetto la Polizia Provinciale produrrà entro e non oltre la prossima settimana alla stessa Prefettura ed alla Questura un calendario di specifici controlli potenziati con la tempistica di attuazione.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: