ESAMI E PRESTAZIONI DI PRONTO SOCCORSO NON PAGATI:
ASL DELL’AQUILA BATTE CASSA

22 Febbraio 2024 10:21

L'Aquila - Sanità

L’AQUILA – Comincia l’attività di recupero creduti da parte dell’Asl aquilana in relazione alle prestazioni di pronto soccorso. Infatti, secondo quanto rileva il Centro, l’Agenzia delle entrate sta spedendo  cartelle di pagamento circa le prestazioni del 2022.

Si tratta di esami medici che non avevano la caratteristica dell’urgenza ma che sono stati erogati gratuitamente e per i quali, ora si chiede il  saldo sulla scorta di una legge statale ben precisa e inderogabile.





Questo, comunque, ha dato  il via  critiche anche perchè sembra che alcune cartelle siano state spedite anche a persone che erano esenti da ticket:  tuttavia esiste un ufficio dell’azienda,  presso il quale segnalare il disservizio e regolarizzare la posizione.

Il tribunale per  diritti del malato è subito intervenuto per chiedere verifiche all’Asl dopo le vibranti proteste dei pazientj.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: