EUROPEE: BALLONE, “METTO IN CAMPO MIA ESPERIENZA DA IMPRENDITRICE, PER UNIONE VICINA AI CITTADINI”

18 Aprile 2024 11:49

- Politica

L’AQUILA – “Mi candido perché voglio portare a Bruxelles mie competenze, l’esperienza che ho acquisito negli anni come imprenditrice, per far sì che il nostro Paese sia sempre più competitivo, determinante nelle scelte, acquistando il peso che merita nell’ambito delle politiche europee”.

Così Antonella Ballone, teramana 43enne, candidata alle elezioni europee di giugno per Forza Italia, nel collegio meridionale, che comprende oltre all’Abruzzo, anche Molise, Campania, Basilicata, Puglia e Calabria.





Una laurea magistrale in lingue e letteratura straniera, russo e inglese parlate correntemente, Ballone è vicepresidente della Baltour, l’importante società di trasporto di famiglia, ed è presidente della Camera di Commercio del Gran Sasso d’Italia. A Bruxelles è stata già tre anni di casa, come presidente di Eurolines Europa, un consorzio di società che operano nei trasporti. E’ stata anche presidente del gruppo giovani di Confindustria Teramo e delegata nazionale per Confindustria giovani ai G20 di Messico, Russia, Australia e Giappone.

“La nostra industria, la nostra agricoltura, il nostro artigianato, hanno bisogno di maggiore attenzione e di risposte  efficaci a livello comunitario – spiega Ballone -. Va rivisto ad esempio il sistema della fiscalità e anche quello dei prestiti bancari, perché la classe imprenditoriale deve poter avere garantito l’ottimale accesso al credito, e in questa fase vanno evitate le strozzature  determinate dagli accordi di Basilea 3”.

Prosegue Ballone: “gli scenari bellici, la crisi Ucraina e quella mediorientale, impongono
a livello di difesa, da qui in avanti, un sistema unico, compatto e coeso, con un’integrazione e un maggiore interfacciamento anche tecnologico, dei singoli sistemi militari. E servono risposte efficaci e immediate anche alle concause che stanno determinando queste crisi, si pensi all’aumento del costo dell’energia e delle materie prime e all’impatto che tutto ciò ha per gli appalti pubblici, in termini di costi, di tempistica e dunque di riconsegna dei cantieri”.





Infine sulle politiche green dell’Europa, come l’efficientamento energetico a tappe forzate degli edifici, che anche in Italia ha provocato perplessità e richieste di revisioni, in una ottica di maggiore gradualità e sostenibilità economica, commenta Ballone: “Come Forza Italia siamo i primi ambientalisti, ci mancherebbe altro, ma la transizione ecologica, lo dice la parola stessa, deve essere graduale, e non può e non deve penalizzare  i settori industriali, motori dell’economia, del benessere, dell’occupazione”.

Commenti da Facebook
RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: