EX RETTORE GSSI EUGENIO COCCIA DIRETTORE DELL’INSTITUTE OF HIGH ENERGY PHYSICS DI BARCELLONA

15 Novembre 2022 09:52

L'Aquila - Scienza e ricerca

L’AQUILA – Il professor Eugenio Coccia, che ha terminato il suo mandato come rettore del Gran Sasso science institute dell’Aquila  lo scorso settembre, inizia oggi a svolgere il ruolo di direttore dell’Institute of High Energy Physics (IFAE, Institut de Fisica des Altes Energies) che ha sede a Barcellona.





L’istituto conduce ricerche sia teoriche che sperimentali alla frontiera della fisica fondamentale (fisica delle particelle, astrofisica e cosmologia) e anche in aree della fisica applicata come il calcolo quantistico e l’imaging per la medicina.

Per questo integra più di cento ricercatori da tutto il mondo. Selezionato a livello internazionale dal Comitato Scientifico IFAE, Coccia sarà il quarto direttore dell’IFAE dopo Ramon Miquel (2015-2022), Matteo Cavalli-Sforza (2008 to 2014) ed Enrique Fernández (1991-2008).





Ora professore del GSSI in aspettativa, Coccia è anche stato eletto in questi giorni presidente del Board della Collaborazione Einstein Telescope, il nuovo grande progetto europeo di interferometro per lo studio delle onde gravitazionali.

Scrive il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi: “al professor Eugenio Coccia giungano i migliori auguri di buon lavoro e le congratulazioni per il prestigioso incarico di Direttore dell’Institute of High Energy Physics di Barcellona. Un ruolo importante che lo vedrà protagonista, come già accaduto alla guida del Gran Sasso Science Institute, nel campo della ricerca e diffusione della conoscenza. Colgo l’occasione per formulare le mie felicitazioni alla professoressa Marica Branchesi che recentemente ha ricevuto il distintivo di socia corrispondente dell’Accademia dei Lincei. Con le loro capacità e competenze hanno contribuito a rendere ancor più fertile questa città nel campo degli studi e dell’alta formazione nell’ambito di un’eccellenza per il Paese, rappresentata dal Gssi”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare: