TRENO L’AQUILA-ROMA: CONSIGLIO COMPATTO SU PROGETTO ALTERNATIVO A QUELLO TRA PESCARA E CAPITALE

13 Aprile 2021 10:03

L’AQUILA – Il consiglio comunale unito e compatto nel chiedere che il collegamento ferroviario Pescara-Roma, una mega opera da oltre 6 miliardi di euro, non escluda il capoluogo L’Aquila. Come invece avviene nello studio di pre-fattibilità, già analizzato nel dettaglio da Abruzzoweb, che prevede il passaggio per Avezzano, e Sulmona, con numerose gallerie, e con non meno di dieci anni per concludere l’opera.

Questo l’esito della seduta di ieri  a cui non hanno preso parte il sindaco però il sindaco Pierluigi Biondi e il presidente della Regione, Marco Marsilio, che ha approvato all’unanimità un documento in cui si afferma: “Ritenuto indispensabile anche l’inserimento del collegamento ferroviario diretto Roma-L’Aquila-Teramo-costa adriatica  al fine di uno sviluppo armonico della regione e di una facilità d’avvicinamento tra L’Aquila e Roma, considerato il dibattito in città e le proposte formulate dal tavolo tecnico, il consiglio comunale impegna: il presidente Tinari ad attivarsi affinché altri consigli delle province dell’Aquila e di Teramo condividano provvedimenti simili; il sindaco dell’Aquila affinché si faccia parte attiva al fine di ottenere l’inserimento della idea progettuale nel programma delle opere pubbliche strategiche e per evitare, così, l’ulteriore marginalizzazione sociale ed economica della città capoluogo di Regione. Ancora: il sindaco a sottoporre all’attenzione della giunta regionale e della Conferenza Stato-Regioni lo studio di prefattibilità tecnico-economica sulla linea ferroviaria veloce Roma-L’Aquila-Pescara e a sottoporre all’attenzione della giunta regionale e della Conferenza Stato-Regioni, l’attuazione dell’iniziativa military mobility potenziando a fini militari e logistici le linee esistenti Pescara-L’Aquila-Rieti al fine di raccordarle sull’Adriatico al porto di Ortona e sul Tirreno ai porti di Civitavecchia e Fiumicino”.

A chiedere il  consiglio straordinario i consiglieri Lelio De Santis e Ferdinando Colantoni

Il capogruppo di Italia viva Paolo Romano  ha stigmatizzato l’assenza di Biondi e Marsilio: “Un atto gravissimo oltre che reiterato, se pensiamo che si verificò anche durante il consiglio straordinario organizzato e svolto a Roma sullo spostamento del terminal da Tiburtina a Termini per i bus provenienti dall’Aquila”.

Il progetto perorato a L’Aquila, elaborata da Fabio Fiori e Antonio Cicone  prevede la realizzazione di una nuova linea ferroviaria che da Scoppito a Passo Corese nel Lazio, hub logistico per lo smistamento delle merci destinate al centro-sud dell’Italia e poi tra Passo Corese e Civitavecchia. Ed ancora la realizzazione di una bretella Rieti-Rocca Sinibalda .

 

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA


    Ti potrebbe interessare: