FLIXBUS POTENZIA LA RETE IN ABRUZZO, COLLEGAMENTI DA NORD A SUD: “TURISMO RIPARTE IN SICUREZZA”

13 Maggio 2021 15:56

L’AQUILA – FlixBus potenzia la rete di collegamenti in Abruzzo, portando a 12 il numero delle destinazioni collegate sull’intero territorio regionale.

Un’attenzione particolare è rivolta alle città d’arte meno note e ai centri di medie e piccole dimensioni, per contribuire a decongestionare i flussi turistici e valorizzare i luoghi di interesse meno collegati, nell’ottica di un rilancio del settore con un occhio alla sostenibilità.

A partire da questa settimana, FlixBus amplierà i collegamenti con l’Abruzzo a 12 destinazioni sull’intero territorio regionale, con una rete che si estenderà da Alba Adriatica fino a San Salvo.

Verranno così garantite, e potenziate, connessioni giornaliere non solo con diverse delle principali città abruzzesi, ma anche con alcuni piccoli centri della regione, con il duplice obiettivo di assicurare anche a chi risiede in aree poco collegate la possibilità di spostarsi e, al tempo stesso, veicolare i flussi di visitatori lungo itinerari meno noti, creando opportunità per il turismo locale.

Nel Pescarese: da Pescara verso 37 città in Italia e all’estero. Collegata anche Montesilvano.

Saranno innanzitutto ampliati i collegamenti con la provincia di Pescara. Da domenica 16 maggio, il capoluogo di provincia sarà connesso con 30 destinazioni in tutta Italia, fra cui Roma, Milano, Torino, Bologna e Bari, centri a medio raggio come Ancona e mete balneari come Rimini, Termoli e Cirò Marina, e con 7 città estere, tra cui Lugano, Zurigo, Monaco di Baviera e Francoforte. Gli autobus verdi fermeranno anche a Montesilvano, che potrà così beneficiare di nuovi arrivi consolidando il proprio ruolo di polo turistico.

L’Aquila e Avezzano collegati capillarmente con Marche e Lazio. Rotte anche per la Sicilia

Anche per l’estate 2021, la provincia dell’Aquila si preannuncia snodo d’eccezione per le rotte fra Abruzzo, Marche e Lazio, grazie ai collegamenti attivi dal capoluogo per Roma e gli aeroporti di Ciampino e Fiumicino e a quelli operativi sia dall’Aquila che da Avezzano verso importanti città marchigiane come Ancona, Osimo, Civitanova Marche, Porto Sant’Elpidio e San Benedetto del Tronto e verso Sora e Cassino in Lazio. Entrambe le città sono inoltre collegate con Caserta e Napoli, mentre dall’Aquila è possibile raggiungere anche Siena e perfino Messina e Catania.

Nel Teramano: cinque le località raggiunte in provincia. Circa 40 le mete collegate con il territorio

Anche il Teramano si conferma area strategica all’interno della rete di FlixBus, con cinque località collegate: Teramo, Giulianova, Alba Adriatica, Mosciano Sant’Angelo e Val Vomano. All’aumento significativo delle tratte per la costa marchigiana (fra le destinazioni, Ancona, Civitanova Marche, Porto Sant’Elpidio e San Benedetto del Tronto), si affiancano, fra gli altri, i collegamenti operativi dalla provincia verso Roma e gli scali di Ciampino e Fiumicino, e le tratte verso grandi città, come Milano, Napoli, Torino, Bologna e Catania, o mete di interesse turistico, come Rimini o Termoli.

Lanciano, Ortona e San Salvo connesse su tutte le direttrici per supportare il turismo nel Teatino

L’obiettivo di FlixBus di assicurare un servizio di mobilità che colleghi efficacemente l’Italia, veicolando i flussi dei visitatori anche lungo itinerari meno noti e supportando, così, la ripresa del settore turistico, si riflette anche nelle tratte attive verso Lanciano, Ortona e San Salvo, connesse con 13 città del Paese, fra cui Milano, Torino, Bologna e Salerno. Per mezzo dei collegamenti operativi con la provincia, FlixBus intende contribuire a valorizzare il patrimonio tanto del litorale quanto dell’entroterra teatino, con potenziali ricadute positive a livello di turismo locale.

Sicurezza a bordo: tutte le misure messe in atto da FlixBus

Per tutelare la salute dei passeggeri e del personale di bordo, e garantire così a tutti una piacevole esperienza di viaggio, FlixBus ha implementato un esaustivo protocollo di sicurezza: tra le misure messe in atto, si possono citare la sanificazione degli autobus al termine di ogni corsa, l’obbligo di mascherina per l’intera durata del viaggio e nelle fasi di imbarco e di sbarco e la misurazione della temperatura e il controllo touch-less di biglietti e documenti al momento del check-in.

Collegate più di 150 città in tutta Italia, con un occhio alla sostenibilità 

A livello nazionale, FlixBus supera il traguardo delle 150 città collegate in tutta Italia, con una rete che si estende dal Friuli-Venezia-Giulia fino alla Sicilia. Come sempre, la società ha adottato un approccio fortemente intermodale alla pianificazione della propria rete ampliando i collegamenti con le autostazioni e stazioni cittadine e gli aeroporti, in linea con l’ideale di una grande rete di mobilità integrata in cui l’uso combinato di più mezzi collettivi vada a sostituirsi a quello dell’auto privata, con benefici per l’ambiente. In particolare, la possibilità di sinergie modali col trasporto pubblico locale presso le autostazioni e le stazioni ferroviarie cittadine consentirà ai visitatori di esplorare con facilità le aree attigue senza ricorrere alla propria auto privata, in linea con l’ideale di un turismo lento e di prossimità, caratterizzato da un impatto ambientale ridotto e da un approccio immersivo al viaggio.

Rafforzata la frequenza sui collegamenti internazionali: più di 30 città collegate

Infine, FlixBus continuerà a garantire la possibilità di viaggiare da e verso l’estero in totale sicurezza grazie ai collegamenti internazionali attivi verso 30 destinazioni. Non solo da Pescara si possono raggiungere direttamente sette città in Svizzera e Germania, ma con pochi cambi è possibile viaggiare dall’Abruzzo verso numerose altre mete, come Parigi, Marsiglia e Barcellona.

“Come entità italiana, vogliamo innanzitutto consentire a chiunque di spostarsi sull’intero territorio nazionale e, così, valorizzare al meglio il nostro patrimonio, dal Friuli alla Sicilia. Allo stesso tempo, in linea con la visione globale che ci accompagna dalla nascita, continueremo a garantire sempre un servizio internazionale di mobilità che permetta a tutti, in ogni momento e a fronte di una spesa contenuta, di esplorare il mondo o, viceversa, di tornare a casa e ricongiungersi con i propri affetti, in totale sicurezza”, ha affermato Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia.

FlixBus è un giovane operatore europeo della mobilità. Dal 2013 offre un nuovo modo di viaggiare, comodo, green e adatto a tutte le tasche. Con una pianificazione intelligente della rete e una tecnologia superiore, FlixBus ha creato la rete di collegamenti in autobus intercity più estesa d’Europa, con oltre 400.000 collegamenti al giorno verso oltre 2.500 destinazioni in 35 Paesi. Fondata e avviata in Germania, la start-up unisce esperienza e qualità lavorando a braccetto con le PMI del territorio. Dalle sedi di Milano, Monaco di Baviera, Berlino, Parigi, Zagabria, Stoccolma, Amsterdam, Aarhus, Praga, Budapest, Los Angeles, Madrid, Bucarest, Varsavia, Bruxelles, New York, Mosca, Kiev, Belgrado, Lisbona, Norimberga e Istanbul il team FlixBus è responsabile della pianificazione della rete, del servizio clienti, della gestione qualità, del marketing e delle vendite, oltre che dello sviluppo del business e tecnologico.

Le aziende di autobus partner – spesso imprese familiari con alle spalle generazioni di successo – sono invece responsabili del servizio operativo e della flotta di autobus verdi, tutti dotati dei più alti standard di comfort e di sicurezza. In tal modo, innovazione, spirito imprenditoriale e un brand affermato della mobilità vanno a braccetto con l’esperienza e la qualità di un settore tradizionalmente popolato da PMI. Grazie a un modello di business unico a livello internazionale, a bordo degli autobus verdi di FlixBus hanno già viaggiato milioni di persone in tutta Europa, e sono stati creati migliaia di posti di lavoro nel settore.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Ti potrebbe interessare: