FONDI MASTERPLAN: CARUSO IN DIFESA DI MARSILIO,
”DA GIUNTA ABRUZZO NO DANNI AD ALTO SANGRO”

13 Agosto 2020 20:45

CASTEL DI SANGRO –  “La decisione assunta dalla Giunta Regionale di sospendere parzialmente la disponibilità dei fondi Masterplan, rappresenta una misura che non può essere intesa come una espropriazione a danno dell’Alto Sangro. Questo lo dico con la massima consapevolezza, intanto di soggetto attuatore individuato dalla Regione ed in secondo luogo da autore della concertazione del programma generale con la Regione che ha determinato poi l'assegnazione dei fondi all’Alto Sangro”.

Così il sindaco di Castel di Sangro, Angelo Caruso, centrodestra, nonchè presidente della Provincia dell'Aquila, in difesa della Giunta abruzzese guidata da Marco Marsilio, di Fratelli dì’Italia, nello scontro politico alimentato dal gruppo del Pd in Consiglio regionale per i quali la maggioranza di centrodestra è colpevole dello scippo di fondi Masterplan assegnati all’Abruzzo con conseguente blocco delle opere.






“La inopportunità di strumentalizzare l’iniziativa, è legata soprattutto allo scopo delle risorse, che come noto, è finalizzato al sostegno del sistema socio-economico regionale, gravemente colpito dall'emergenza covid continua Caruso che è anche presidente della Provincia dell’Aquila -. Credo che quando si tratti di solidarietà si debba osservare un certo contegno, pur comprendendo le preoccupazioni dei colleghi sindaci. Non si può parlare di danno, poiché la parte relativa alle attività di progettazione è rimasta inalterata, ciò consente di proseguire – ed in molti casi di iniziare – il percorso di programmazione delle opere finanziate. Vi è da precisare doverosamente che tali adempimenti, suppongono l’acquisizione di pareri di enti deputati alla tutela dei vincoli, il che determinerà dei tempi quantomeno in perfetta coerenza con quelli stabiliti per la riassegnazione della parte dei fondi sospesi”.

“A tal riguardo – prosegue il sindaco – ci tengo a precisare che per quanto attiene lo stato dell'arte, il tratto di pista ciclabile che collega Castel di Sangro con Ateleta è già stato appaltato e presto inizieranno i relativi lavori, mentre la prosecuzione del tratto che collegherà Scontrone con Alfedena a breve inizieranno le acquisizioni dei pareri ambientali sulla base del progetto redatto, onde poter affidare le opere a fine settembre, confidando sulla validità della convenzione stipulata con la Regione. Ed allora l’invito è a proseguire nel lavoro avviato per poter intraprendere le procedure di gara in autunno. A margine di quanto affermato, oltre a sottolineare i meriti della Regione per aver individuato il nostro territorio per il ritiro del Napoli e le altre iniziative svolte e che qui si svolgeranno ancora”, conclude Caruso.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: