GIOCHI DEL MARE: SULLE SPIAGGE DI VASTO EVENTO SPORTIVO ALL’INSEGNA DELLA SALUTE E PREVENZIONE

3 Giugno 2021 12:57

PESCARA – Vasto trasformata in un villaggio allo sport per i Giochi del Mare che partono domani e vanno avanti fino all’8 giugno. La manifestazione si aprirà con due tentativi di record del mondo in apnea tentati da Livia Bregonzio, varesina, pluricampionessa di specialità, e Ilenia Colanero, di Lanciano (Ch), che cercherà per la prima volta di conquistare un primato internazionale tra i disabili.

Questa mattina la presentazione, in Regione, a Pescara, della kermesse sportiva che si svolgerà con l’assistenza della Guardia Costiera che garantirà la sicurezza nei diversi campi gara.

“I Giochi del Mare – ha detto in conferenza stampa il presidente della Regione Marco Marsilio – rappresentano l’occasione per offrire il volto migliore dell’Abruzzo e far conoscere le bellezze del territorio. Si tratta di un evento importante anche a livello sanitario, visto che la Asl Lanciano Vasto Chieti metterà a disposizione medici per effettuare screening che ci spiegano come sia importante fare sport anche per la prevenzione delle malattie cardiovascolari”.

L’assessore regionale allo Sport Guido Liris ha aggiunto: “Questo evento è un mix di sport, salute, turismo e sociale. Si tratta di un messaggio forte che la Regione Abruzzo vuole lanciare per ribadire la ricaduta socio economica sui territori dei grandi eventi su cui abbiamo deciso di puntare”.

Alla conferenza stampa di presentazione anche il comandante della Direzione Marittima Abruzzo-Molise, capitano di vascello Salvatore Minervino, il presidente regionale del Coni Enzo Imbastaro e l’assessore allo Sport del Comune di Vasto Carlo Della Penna.

Sull’arenile, sotto al sole, i campioni del beach volley e del tennistavolo con il Ttx, con l’Abruzzo che sarà il punto di partenza del circuito estivo nazionale. E poi beach soccer (maschile, femminile e disabili), il beach rugby (maschile e femminile), il beach volley (maschile e femminile) ai quali si aggiungerà uno stage della nazionale juniores femminile di specialità. Non mancherà un campo di bocce. Appuntamento anche con il beach badminton e i ragazzi diversamente abili della Fiba (Federazione italiana basket).

La Fipsas (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) avrà un coloratissimo spazio all’interno dell’Arena Beach con piscine per la pesca, l’ecologia marina e il lancio tecnico. In acqua ci saranno diversi campioni di specialità per le gare di nuoto pinnato di fondo (normodotati e disabili), e poi video sub, foto, safari e surfcasting, traina costiera e canna da riva.

“Le attività sportive fotografiche e video – ha detto ancora Liris Quintino Liris – saranno di valore perché in grado di proporre l’Abruzzo come territorio unico nel suo genere, capace di raccontarsi attraverso lo sport. I Giochi del mare – ha aggiunto – sono la testimonianza del valore che stiamo dando all’Abruzzo: dopo il Giro d’Italia, che nelle scorse settimane ha toccato soprattutto le nostre montagne, ora spetta alla costa essere protagonista, al litorale, e in particolare a Vasto, che è una splendida città e che da decenni conquista la Bandiera blu. A tutto ciò accosteremo i temi della disabilità, della promozione della cultura dello sport tra gli studenti, che saranno presenti a migliaia, a quello della prevenzione sanitaria”.

Infatti in collaborazione con l’Asl2 di Chieti Lanciano e Vasto, infatti, la Regione proporrà screenings cardiologici gratuiti mentre grazie alla sinergia con l’ospedale Bambino Gesù di Roma, sulla spiaggia ci sarà Giuseppe Morino, responsabile Unità operativa Dietologia Clinica per realizzare “percorsi del gusto” rivolti agli studenti i quali, il 7 e 8 giugno, concluse le attività agonistiche si cimenteranno in quindici diverse discipline alla “ricerca del proprio talento”. In campo con il volley del campione Andrea Lucchetta, con il surfcasting con i tecnici della Fipsas per arrivare al beach soccer, il tennistavolo, l’hockey e il rugby. Non mancheranno il lancio con la canna, bocce, badminton e tecniche di respirazione per il nuoto pinnato.

La Fipsas inoltre presenterà due progetti: uno dedicato ai bambini e l’altro agli over 65. Il primo, denominato “Sprint Fishing” nasce insieme con l’Università cattolica del Sacro Cuore e il Dipartimento universitario di Geriatria e Ortopedia e vuole favorire la promozione dell’attività sportiva tra gli over 65. Il progetto “Pre.di.spo.ne – Preveniamo le dipendenze con lo sport, la natura e la cittadinanza attiva”, finanziato dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, è rivolto ai ragazzi e punta alla prevenzione e al recupero delle patologie legate alle varie forme di dipendenza, utilizzando la pratica sportiva della pesca amatoriale, dell’apnea, del nuoto pinnato e della subacquea, le attività outdoor e il contatto con la natura. 03 giugno 2021

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: