GIOVANE RIDOTTA IN SCHIAVITU’ AD AVEZZANO:
DUE CONDANNE A 11 ANNI DI RECLUSIONE

1 Dicembre 2023 09:15

L'Aquila - Cronaca

AVEZZANO – Due romeni sono stati condannati a 11 anni di  reclusione  a testa dalla Corte di Assise aquilana in quanto riconosciuti colpevoli di aver ridotto in schiavitù una ragazza.  I fatti si sarebbero svolti ad Avezzano (L’Aquila) tra il 2014 e il 2016. Gli  imputati sono Ramona Lacramiora Paun e  il fratello Sorinel. 

Assolta, invece, Annamaria Mitrache cui è stato riconosciuto il fatto di avere aiutato, per quanto possibile, la giovane connazionale.





Gli imputati, secondo l’accusa, avrebbero promesso alla parte civile un lavoro come baby sitter ma poi era stata introdotta in un giro di prostituzione. Di lì la denuncia anche perchè la donna ha sostenuto che le era stato impedito addirittura di avere contatti con l’esterno e la vita era divenuta impossibile. Ha avuto il coraggio di ribellarsi  nonostante le minacce ricevute  e la sentenza le ha dato pienamente ragione. Ci sarà ricorso in appello quando saranno depositate le motivazioni tra 90 giorni.

I due, infine,  sono stati anche interdetti dai pubblici uffici in perpetuo.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale



    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale




    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Commenti da Facebook

    RIPRODUZIONE RISERVATA
    Download in PDF©


      Ti potrebbe interessare:

      ARTICOLI PIÙ VISTI:


      Abruzzo Web