GRADINATA COLLEMAGGIO, LAVORI A RITMI SERRATI. ARCHEOCLUB CRITICA, IMPRUDENTE, “POLEMICHE STERILI”

12 Agosto 2022 10:33

L'Aquila - Gallerie Fotografiche, Perdonanza 2022, Politica

L’AQUILA – Ritmi serrati per i lavori di realizzazione della scalinata davanti la Porta santa di Collemaggio, che dovrà essere inaugurata il 19 agosto, in vista della visita di papa Francesco il 28 agosto.

I vivaisti sono al lavoro per la sistemazione del verde ed è stato posizionato anche l’ulivo monumentale a fianco alla Porta Santa. Sarà previsto anche un accesso per i disabili.

Oggi  sarà steso il nuovo manto di asfalto nell’area antistante la Porta Santa, in attesa, dopo la Perdonanza, del montaggio dei cubetti di porfido.

L’opera, costata 1 milione di euro, divide l’opinione pubblica sui social con chi dà ragione al sindaco Pierluigi Biondi e al vice Raffaele Daniele, considerandola utile e ben fatta, e chi invece lo ritiene un intervento a dir poco inopportuno e decontestualizzato, oltre che eccessivamente costoso.

Dopo Italia viva  va all’attacco è l’Archeoclub dell’Aquila, che con la presidente Maria Rita Ancone sostiene che “non basta rivolgersi a un progettista o a un gruppo ristretto che esprima su un’area un’idea progettuale: è invece necessario, nel trasformare e recuperare un luogo a lungo vissuto dai cittadini, ascoltare il maggior numero di pareri possibile perché i punti di vista, in questo caso, devono essere espressi da più parti per evidenziare aspettative ed elementi legati al vissuto e alle esperienze che quel luogo ha determinato, oltre che, naturalmente, le modalità di tutela storico-artistica. Si stanno progettando in questi mesi restauri di piazze e di luoghi pubblici che hanno una vitale importanza per la vita cittadina. Il disegno futuro di questi spazi richiede un’attenta considerazione di ciò che significano proprio come luoghi pubblici, di incontro e di vita in comune che non devono diventare ‘alieni'”.

“L’Archeoclub – ad esempio – avrebbe suggerito, per un più idoneo inserimento nel delicato contesto storico-ambientale della Basilica, di utilizzare semplicemente quanto già ideato – anche se a una diversa scala – per il teatro Amphisculpture del Parco del Sole dall’architetto Beverly Pepper e cioè: una struttura a càvea che sfruttasse il pendio esistente e l’utilizzo della stessa pietra bianca e rosa. L’Archeoclub suggerirebbe poi, più in generale, di limitare al massimo il consumo di suolo e l’impatto antropico sullo stato dei luoghi, nell’ottica di una miglior risposta dei terreni a fenomeni atmosferici particolari e quindi di una miglior vivibilità”.

Promuove a pieni voti l’opera invece il vicepresidente della Regione Emanuele Imprudente “Ci troviamo davanti a polemiche insignificanti, a mio modesto avviso. Si sta riqualificando un’area e si sta dando una dignità particolare al monumento simbolo della città. L’intervento che andrà ad ultimazione a breve, ha già dato un’identità chiara, nuova, aperta, fruibile ad una parte del monumento che rappresenta la nostra città. Credo che sia un intervento che darà lustro all’Aquila”.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: