GRANDI OPERE: INGEGNERE AQUILANO MASCI PROJECT MANAGER CANTIERE DA 100 MILIONI POLICLINICO CASERTA

18 Ottobre 2020 08:48

TERAMO – Nella realizzazione, al palo da anni, del Policlinico universitario di Caserta avrà un ruolo delicatissimo e di primo piano l’ingegnere aquilano Antonio Masci, presidente dell’Ufficio tecnico per la ricostruzione post-sisma della diocesi di Teramo-Atri.

Il professionista, classe 1981, e che ha avuto un ruolo da protagonista nei cantieri dei crateri dei terremoti del 2009 e ora in quelli del 2016-2017 è stato nominato infatti project manager dai commissari governativi a cui è stato affidato l’importante opera campana da oltre 100 milioni di euro pronto a ripartire già da fine novembre.

Il 27 ottobre sarà vergata, tranne sorprese, l’attesa firma dell’atto di transazione tra Università della Campania Luigi Vanvitelli, proprietaria del bene, Condotte Spa, la ditta appaltatrice in crisi e il Ministero delle infrastrutture

L’opera, tra le più importanti del Mezzogiorno, è ferma dalla metà del 2018 in seguito ai problemi finanziari ed eccessiva esposizione debitoria accumulata negli anni di Condotte Spa, che è attualmente in amministrazione straordinaria da parte del Governo.

Con la transazione i cantieri potranno ripartire, e parte del Policlinico destinata alla didattica e alla ricerca, ha anticipato il rettore Giuseppe Paolisso,  potrebbe essere completata anche in un anno e mezzo, più tempo ci vorrà per la parte della struttura riservata all’accoglienza e all’assistenza dei pazienti, non meno di 32 mesi.

Masci è anche  docente e membro del Consiglio scientifico della Scuola di alta formazione in Beni culturali ed ecclesiastici dell’Aquila.





A seguito del sisma del 2009, è stato nominato responsabile dei lavori e coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione del complesso monumentale di Sant’Emidio, comprendente la cattedrale dei Santi Massimo e Giorgio, ovvero il duomo dell’Aquila, e l’adiacente palazzo arcivescovile. E’ stato poi responsabile dei lavori del complesso di Santa Maria del Suffragio, detta delle Anime Sante, una delle prime opere completate e vanto della ricostruzione aquilana, nonché di molti altri cantieri relativi a chiese aquilane e teramane, ma anche nei cantieri di importanti edifici privati, come palazzo Cappa a Prata d’Ansidonia (L’Aquila), e palazzo De Nardis nel capoluogo.

Ha ottenuto anche importanti incarichi dalla presidenza del Consiglio dei ministri e dalla Protezione civile per la progettazione, management e coordinamento per la sicurezza nella realizzazione del “Progetto C.A.S.E. e per il summit G8 nell’estate del 2009. E’ stato poi nominato consulente dalla Procura di Rieti nell’ambito delle inchieste sui crolli avvenuti a seguito degli eventi sismici del 2016. E’ inoltre membro della commissione criteri sportivi ed infrastrutturali della Federazione italiana gioco calcio( Fgci).

Ora dovrà centrare l’obiettivo della realizzazione del Policlinico di Caserta, e mettere la parola fine ad una storia molto travagliata iniziata con il progetto di fine anni ‘90.

I lavori sono iniziati nell’ottobre 2003, ma nel 2009 c’è stato un primo stop a causa dei problemi della prima azienda appaltatrice, l’Immobilgi Federici Stirling Spa, che ha rescisso il contratto con l’Università, che allora si chiamava Sun (Seconda Università degli Studi di Napoli).

Le opere sono riprese dopo quattro anni, nel marzo 2013, con un nuovo appaltatore, il Consorzio Concorsu con capofila la società Condotte Spa, ma si sono bloccati nel settembre 2014 perché la Regione, allora amministrata dal forzista Stefano Caldoro, non aveva erogato oltre 5 milioni di euro di propria competenza, costringendo così l’appaltatore a mandare via i subappaltatori.

Il cantiere è ripartito a rilento nel 2015 e poi furono rilanciate nel marzo 2017 dal governatore del Pd Vincenzo De Luca, che è stato appena rieletto, e che aveva dato tre anni di tempo per concludere l’opera. Dopo pochi mesi dalla nuova inaugurazione, però i lavori si sono fermati nuovamente, questa volta per i guai finanziari di Condotte.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!