GREEN PASS, A L’AQUILA BOOM TAMPONI. FARMACIE SI RIORGANIZZANO, MALAFOGLIA: “TURNI ANCHE DOMENICA”

di Azzurra Caldi

7 Ottobre 2021 08:05

L'Aquila: Abruzzo

L’AQUILA – Mentre si avvicina il 15 ottobre, nuova data simbolo dell’epoca covid, che decreterà l’obbligo del green pass per i lavoratori, schizzano le prenotazioni dei tamponi e le farmacie si riorganizzano per andare incontro alle esigenze dei cittadini.

Succede anche nelle farmacie comunali dell’Aquila dove è stato necessario ampliare il servizio proprio a causa dell’aumentata richiesta, soprattutto da parte di insegnanti e dipendenti pubblici, mentre per i vaccini, almeno al momento, non si è assistito ad un’impennata di richieste.

Lo spiega ad AbruzzoWeb Michele Malafoglia, direttore della farmacia di Pettino: “Abbiamo registrato tantissime richieste in più, tanto che è stato necessario ampliare in modo significativo il servizio anche nel fine settimana e a breve i tamponi saranno effettuati con nuovi orari anche il sabato e la domenica”.

Un dato in crescita in tutta la regione, come confermato nei giorni scorsi  da Fabrizio Zenobii, presidente di Federfarma e titolare della omonima farmacia di piazza San Francesco a Pescara dove “non risultano aumenti delle somministrazioni” di vaccini ma è “boom di tamponi, richiesti prevalentemente da lavoratori di età inferiore a 60 anni”.

All’Aquila, la nuova organizzazione, terminati gli ultimi passaggi burocratici, partirà a giorni con l’obiettivo di coprire, tra le farmacie di Coppito e Pettino, i turni di mattina e pomeriggio per tutta la settimana. Per quanto riguarda la domenica, invece, il servizio sarà attivo la mattina nella farmacia di Pettino.

“Abbiamo sempre avuto giornate piene da quando abbiamo cominciato ad effettuare i tamponi, all’inizio ne facevamo uno ogni quindici minuti. Poi, con l’aumentare delle richieste, siamo arrivati a farne uno ogni 10 minuti. Oggi, con il nuovo green pass, abbiamo ulteriormente ampliato l’offerta”.

Docenti e dipendenti pubblici tra le principali categorie di lavoratori che ricorrono ai tamponi, ma anche chi pratica sport a livello agonistico: “Abbiamo già un primo calendario di prenotazioni, anche mensili, con orari e giorni prestabiliti per evitare imprevisti”.

Il Green pass, secondo le dichiarate intenzioni del Governo, è uno strumento fondamentale per spingere alla vaccinazione, e infatti viene rilasciato solo dopo le somministrazioni, in caso di guarigione da Covid-19 o, appunto, con l’esito negativo di un tampone, in questo caso con validità di 48 ore.

Sul fronte vaccini, però, non si è registrata la stessa impennata di prenotazioni: “Al momento – osserva Malafoglia – ad aumentare sono prevalentemente le richieste di tamponi”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: