I PRESIDENTI DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D’ITALIA ALL’AQUILA IN OCCASIONE DEI 15 ANNI DEL SISMA

18 Aprile 2024 11:23

L'Aquila - Terremoto e Ricostruzione

L’AQUILA – In occasione del 15° anniversario del sisma che ha colpito i territori aquilani il 6 aprile 2009, l’Ordine degli Ingegneri della provincia dell’Aquila ospiterà l’Assemblea dei Presidenti degli Ordini e il Consiglio Nazionale degli Ingegneri d’Italia dal 18 al 20 aprile.

“Avremmo voluto ospitare tale evento in prossimità del decennale dal sisma dell’aprile del 2009 –  confida il Presidente dell’Ordine dell’Aquila, ing. Pierluigi De Amicis – ma i problemi legati al Covid e la conseguente sospensione degli eventi in presenza hanno fatto slittare questa occasione ad oggi”.





“E l’evento si svolgerà in una Città che mostra ancora le ferite del sisma, ma nella quale sono evidenti le testimonianze della caparbietà di una popolazione che convive con un territorio aspro e duro e con determinazione cerca di superare tutte le difficoltà. Il lavoro di ricostruzione sin qui svolto ci sta riconsegnando una Città ricca di stratificazioni storico-culturali che testimoniano la passata grandezza e che la obbligano a reinventare un futuro innovativo e peculiare”.

Nella mattinata di venerdì sono inoltre previste delle visite tecniche nel Centro Storico L’Aquila presso i maggiori monumenti e i cantieri della ricostruzione accompagnati da guide professioniste e da funzionari della Soprintendenza dell’Aquila. Per gli accompagnatori è stata inoltre organizzato un tour con guida e navetta nelle Terre della Baronia nei Comuni di Santo Stefano di Sessanio e Rocca Calascio.

“L’occasione – continua il Presidente – ci offre il piacere di rendere omaggio ai partecipanti di una nuovissima pubblicazione, edita con il contributo dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia dell’Aquila, che celebra la preziosa struttura progettata da Renzo Piano subito dopo il sisma e realizzata, a ridosso della zona rossa, in soli sei mesi proprio a simboleggiare la volontà dell’intera comunità di riappropriarsi degli spazi prossimi al centro storico della Città”.





“L’Aquila con la ricostruzione, a cui si aggiunge l’ambita proclamazione a Città della Cultura, sta cercando di restituire ai Comuni del comprensorio quanto ricevuto in occasione della propria fondazione. La ricostruzione del Capoluogo, per evidenti motivi, ha avuto un inizio ed un avanzamento sicuramente più celeri di quello delle frazioni e dei Comuni del Cratere. Ciononostante, le sinergie da tempo messe in atto sono volte allo sviluppo del territorio proprio in un’ottica di città-territorio che esca prepotentemente dalla cinta delle mura urbiche”.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: