”IL GIORNO DEI 10-90 MINUTI PER L’AQUILA”: GLI EX CAMPIONI DI ROMA E LAZIO IN CAMPO PER L’ONCOLOGIA

9 Aprile 2019 09:16

L'AQUILA – Un pomeriggio di sport, emozione e commozione ieri allo stadio Gran Sasso-Acconcia, con oltre 700 spettatori, per “Il giorno dei 10-90 minuti per L'Aquila”, evento di beneficenza organizzato in occasione del decennale del sisma del 6 aprile 2009.

A scendere in campo a sostegno del reparto di Oncologia dell'ospedale “San Salvatore” del capoluogo abruzzese, al quale è stato donato parte del ricavato dei biglietti, tante glorie giallorosse e biancocelesti: Vincent Candela, Dario Marcolin, Bruno Giordano, Stefano Fiore, Giuliano Giannichedda, Guglielmo Stendardo, Max Tonetto, Alessio Scarchilli e Giampiero Maini. 

La partita-evento, seguita dalle telecamere di SkySport24, si inserisce all'interno del progetto, avviato dagli ultrà rossoblu, i Red Blue Eagles.

A margine del match, presentato dallo speaker della Roma, l'aquilano Matteo Vespasiani, il presidente della Figc Abruzzo, Daniele Ortolano, ha consegnato una targa commemorativa al presidente dell'Aquila, Marco De Paulis e a Flavio Coladarci, che, in sinergia con il difensore del Città di L'Aquila Damiano Zanon, hanno organizzato l'evento.






Un'altra targa è stata donata a Federico Dionisi, giovane direttore di gara aquilano, che ha fatto il suo esordio in serie A.

Le premiazioni si sono svolte alla presenza del neo assessore comunale allo Sport, Vittorio Fabrizi, che si è detto “molto emozionato per l'evento e per il fatto di vedere così da vicino gli ex calciatori”.

Il fischio di inizio è stato preceduto da un minuto di silenzio in ricordo delle 309 vittime del terremoto di 10 anni fa.

Poi, un lungo applauso e l'inizio del match Città di L'Aquila contro Città di Roma, che ha vinto la sfida ai rigori. (a.c.p.)

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: