IL GRANDE DERBY: L’AQUILA SI PREPARA AD ”ALLARGARE” IL ‘FATTORI’

10 Giugno 2013 15:37

L’AQUILA – L’Aquila Calcio si prepara a organizzare al meglio la finale di ritorno di play off, in programma domenica alle 16 al “Fattori”, tra i rossoblù e il Teramo.

“Domani – spiega l’amministratore rossoblù, Elio Gizzi – è prevista la riunione con gli enti predisposti alla sicurezza e se ci daranno l’ok allora lavoreremo subito per installare la videosorveglianza che ci offrirà un imprenditore. L’intento della società è quello di portare la capienza del ‘Fattori’ da 3.999 spettatori a 5 mila. Noi vogliamo dividere la possibile gioia insieme a tantissimi aquilani”.

E sulla gara Gizzi aggiunge che “devo fare i complimenti a mister Giovanni Pagliari che ha interpretato nel migliore dei modi la partita e un bravo a tutti i ragazzi che sono stati perfetti a seguire i consigli dell’allenatore. Insomma una gara tatticamente perfetta. Comunque ora non pensiamo ad avere la promozione in tasca e concentriamoci alla gara di domenica”.





Infine Gizzi è ancora offeso per l’ospitalità ricevuta a Teramo.

“Abbiamo trovato tanta ostilità nei nostri confronti – racconta l’amministratore rossoblù – il presidente Corrado Chiodi e altri dirigenti hanno dovuto abbandonare la Tribuna. Sia noi che i nostri tifosi sono stati aprostofati con terremotati e sfollati. Va bene gli sfottò, ma questo non è un comportamento civile. Non si può dimentare poi gli sputi ricevuti o le auto danneggiate ai nostri sostenitori”.

Per Gizzi “ci vuole una cultura sportiva che noi abbiamo al contrario dei nostri avversari. Probabilmente la nostra cultura deriva anche dal rugby ed è stata trasmessa anche alle altre discipline sportive del capoluogo abruzzese, come il calcio, pallavolo e pallacanestro. Va sottolineato che all’Aquila sorgerà lo stadio senza barriere e partirà anche l’iniziativa del Supporter Trust (una rappresentante dei tifosi potrà accedere nel Consiglio di amministrazione della società, ndr). La differenza c’è”. (s.cas.)

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!