IL RECOVERY PLAN E LA SMART CITY: LAUREANDO DISCUTE TESI NELLA SALA GIUNTA DEL COMUNE DI PESCARA

15 Novembre 2021 18:45

Pescara: Scuola e Università

PESCARA – Il Recovery Plan e un progetto per utilizzare al meglio i fondi affinché il Comune possa diventare un’eccellenza dal punto di vista dell’innovazione e della digitalizzazione entrando a far parte del podio delle Smart Cities a livello nazionale.

È il tema scelto per la tesi dal primo studente a laurearsi online all’interno della sala giunta del Comune di Pescara.

Francesco Maria Nuvolari, 27 anni, laureando magistrale in Scienze dell’Educazione e della Formazione continua presso l’Università di Bologna, discuterà domani, alle 17:30,  presso la Sala Giunta del Comune di Pescara , la tesi “Modernità, digitalizzazione e sostenibilità. 222,1 miliardi in arrivo dal Recovery Plan, i comuni sono preparati a gestire questi fondi? Pescara, un modello di riferimento durante la ripresa economica Post-Covid”.

“In accordo con il sindaco, Carlo Masci, un anno fa ho iniziato a scrivere una tesi per promuovere un progetto di rilancio della città di Pescara, per farla divenire a pieno titolo una Smart City europea”, spiega Nuvolari.

“La tesi – aggiunge – riguarda una tematica molto attuale: quella del Recovery Plan ed in particolare si propone un progetto per utilizzare al meglio questi fondi per fare in modo che il Comune a costo zero possa diventare un’eccellenza dal punto di vista dell’innovazione e della digitalizzazione entrando a far parte del podio delle Smart Cities a livello italiano. Traguardo che si misura attraverso l’indice ICity Rank. La tesi si traduce in un piano operativo dettagliato per far arrivare Pescara nelle prime 3 posizioni del ranking nell’arco di 3 anni. L’anno scorso Pescara ricopriva la 53° posizione su 107 città analizzate”.

“Un lavoro di analisi complesso, portato avanti in collaborazione con il dirigente Paolo Santucci, con cui ci siamo interfacciati con assessori e dirigenti di vari comuni italiani e con i riferimenti nazionali di Forum PA. Scambi costruttivi che hanno permesso di comprendere come altri comuni virtuosi riescano ad essere posizionati nelle prime posizioni del ranking delle Smart Cities”.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: