INCHIESTA UGL: L’AVVOCATO ALESSANDRONI, “INFONDATE ACCUSE A PERETTI, PM PUO’ CHIEDERE ARCHIVIAZIONE”

15 Maggio 2023 09:54

L'Aquila - Cronaca

L’AQUILA – L’avvocato aquilano Fabio Alessandroni interviene per chiarire la posizione dell’ex segretario di Ugl Piero Peretti in relazione all’inchiesta della Procura di Roma riportata dal Corriere della Sera  e ripresa anche da Abruzzoweb sulla presunta sparizione di circa 51mila euro che gli viene contestata. “Allo stato”, dice l’avvocato, “non vi è prova che Peretti abbia fatto sparire alcunchè sicchè l’espressione adombra nel lettore medio la erronea e fuorviante  convinzione che Peretti debba ritenersi responsabile di fatti ancora tutti da dimostrare”.





“Allo stato”, prosegue l’avvocato di fiducia dell’indagato, “non vi è alcuna richiesta di rinvio a giudizio posto che è stata dichiarata nulla dal gup del tribunale di Rom con restituzione del fascicolo al pm per avere, il sottoscritto difensore eccepito l’omesso espletamento dell’interrogatorio richiesto tempestivamente dal signor Peretti  dopo aver appreso della calunniosa denuncia ai suoi danni”.

“Nonostante la tempestiva richiesta di interrogatorio”, dice ancora l’avvocato, “con la predisposizione di una corposa memoria difensiva di oltre 30  pagine a cui sono stati allegati numerosi documenti contabili attestanti la regolarità di tutte le operazioni poste in essere dall’ex segretario Peretti, tutte rigor0samente eseguite nell’interesse esclusivo dell’organizzazione sindacale, il pm procedente non ha dato corso all’atto difensivo così determinando la patologia irreversibile della richiesta di rinvio a giudizio puntualmente evidenziata dal sottoscritto difensore e condivisa dal gup”.





“Peretti”, precisa l’avvocato, “non rischia alcun processo posto che essendo stato  restituito il fascicolo al pm per ordine del gup con conseguente rientro nella fase fluida delle indagini preliminari, questi, all’esito del più volte richiesto interrogatorio, ben potrà determinarsi a chiedere l’archiviazione stante la chiara insussistenza dei fatti calunniosamente  ascritti all’ex segretario Peretti”.

L’avvocato conclude  ritenendo lesive  per la reputazione personale espressioni come “spariti 51mila euro dalle casse di Ugl nazionale: ex segretario aquilano  Peretti rischia il processo”  precisando di aver avuto mandato per denunciare per diffamazione a mezzo stampa il Corriere della Sera- cronaca di Roma.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: