INSIEME PER IL FUTURO, SI LAVORA AD “AREA DRAGHI”. DI MAIO: “BASTA POPULISMI, STABILITA’ AL GOVERNO”

23 Giugno 2022 15:34

Italia - Politica

ROMA – “Basta sovranismi e populismi”.

Lo ha detto, a quanto raccontato da diversi partecipanti all’assemblea di Ipf (Insieme per il futuro), Luigi Di Maio ai parlamentari. E sul governo aggiunge: “I nostri gruppi daranno stabilità. C’è un’onda civica che si avvicina. C’è tanto entusiasmo da valorizzare”.

Di fatto, con lo scisma dei Cinque Stelle, si è aperta una corsa al centro L’addio di Di Maio, infatti, ha impresso maggiore forza e velocità alle voci che parlano di un “partito di Draghi senza Draghi”, che potrebbe nascere a settembre, riferiscono fonti parlamentari.

Una formazione politica che abbia come bussola l’agenda del presidente del Consiglio e alla quale potrebbero partecipare Giovanni Toti, Luigi Brugnaro e, ora, anche Luigi Di
Maio. Il presidente del Consiglio non ne sarebbe, ovviamente, coinvolto se non come modello ispiratore.

Le voci circolavano già prima dello strappo nei Cinque Stelle, ma l’addio di Di Maio al Movimento ha impresso grande velocità ai rumors. Una impresa che appare però complicata. A quello spazio politico puntano, infatti, anche Matteo Renzi e Carlo Calenda. Il primo con un progetto che coinvolgerebbe anche sindaci importanti. Si parla di Giorgio Gori, Beppe Sala, Dario Nardella e Antonio Decaro. I sindaci in questione, tuttavia, hanno già smentito che ci sia sul tavolo il progetto. Il secondo mira a occupare stabilmente il centro del palcoscenico politico attraverso un progetto federativo tra Azione e Più Europa. Al momento, però, le possibilità che tutte le parti in campo possano incontrarsi sembrano limitate.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: