INTOSSICAZIONE MONOSSIDO DI CARBONIO NELLA MARSICA: INTERA FAMIGLIA RICOVERATA A ROMA

20 Dicembre 2021 18:18

L'Aquila: Cronaca

AVEZZANO – Erano tornati proprio ieri sera dal Venezuela, dopo un lungo viaggio, a Cerchio, comune della Marsica in provincia dell’Aquila, per trascorrere le festività di Natale e fine ed inizio anno, ma hanno rischiato la vita per via di una intossicazione da monossido di carbonio causata da un guasto alla caldaia: cinque componenti di una famiglia sono ricoverati in un ospedale a Roma dove sono in cura nelle camere iperbariche.

Si tratta di marito, moglie, suocera e due figlie la più grave, secondo quanto si è appreso, sarebbe una delle ragazze. Ma nessuno sarebbe comunque in pericolo di vita.

È stato l’uomo, Mario Antidormi, 57 anni, originario di Cerchio, importante imprenditore nel campo della produzione delle gomme per auto, che vive e lavora in Venezuela, ad accorgersi della grave situazione ed ha aperto le finestre e chiamato i soccorsi, in poco tempo tutti sono stati portati all’ospedale di Avezzano e, in seguito, trasferiti a Roma.

Ad accendere la caldaia di una casa di proprietà costruita un anno fa, era stato un parente che, in previsione dell’arrivo della famiglia, aveva acceso i riscaldamenti per far trovare la casa con una temperatura adeguata.  Ma la caldaia nella notte ha subito un malfunzionamento che sarebbe stato alla base della fuoriuscita del monossido.

Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine ed i sanitari del 118: sono in corso verifiche sulle cause.

“Solo per miracolo è stata evitata una tragedia immane – spiega il sindaco di Cerchio, Gianfranco Tedeschi – il mio amico Mario, stimato ed importante imprenditore di Cerchio, emigrato in Venezuela, e la sua famiglia sono tornati ieri sera per le festività e sono andati a dormire, stanchi per il viaggio, in una casa nuova dove la caldaia era stata accesa perché l’ambiente si scaldasse. Ma c’è stato un malfunzionamento del quale per fortuna si è accorto. Sto aspettando notizie da Roma ma da quanto sono riuscito a sapere una delle figlie avrebbe i problemi maggiori, anche se nessuno sarebbe in pericolo di vita. La nostra comunità segue con trepidazione la situazione, il mio amico e la sua famiglia non hanno dimenticato la propria terra di origine e tornano spesso a Cerchio e in Italia”, conclude Tedeschi.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: