VOTO AVEZZANO: INTERVISTA A CANDIDATO SINDACO BABBO, "CON SOSTEGNO PD AVREMO RAPPORTO STRETTO CON GOVERNO NAZIONALE, ALTRI LO VORREBBERO CON IL PAPEETE..."

“IO CIVICO E LIBERO, ALTRI SPONSORIZZATI DA L’AQUILA”: BABBO, “RECUPERARE FONDI RETE IRRIGUA E INFRASTRUTTURE”

15 Settembre 2020 08:10

AVEZZANO – “Sono un candidato civico, un uomo libero, appoggiato dal Pd che ha apprezzato il mio programma. Una scelta che ci permetterà di avere un rapporto più stretto con il governo, altri invece il rapporto privilegiato l’avranno forse con il Papeete…”

Ultimi giorni di campagna elettorale anche per Mario Babbo, avvocato 40enne, ex rugbista candidato sindaco civico alle amministrative di domenica  e lunedì prossimo ad Avezzano. A sostenerlo il Partito democratico, e i renziani di Avezzano viva, più quattro civiche Generazione+, Avezzano in prima linea, Fuori centro e Patto civico per Avezzano

Babbo è stato capogruppo in consiglio comunale di maggioranza di “Per Avezzano”, civica del sindaco del centrosinistra Giovanni Di Pangrazio, e poi all’opposizione, sempre con “Per Avezzano”, del sindaco del centro destra, Gabriele De Angelis.

Nell’intervista ad Abruzzoweb Babbo intende parlare soprattutto di programmi mettendo in evidenza soprattutto le infrastrutture, oil nuovo ospedale, non mancando di lanciare bordate alla regione di centrodestra,e al candidato del centrodestra, il salviniano Tiziano Genovesi.

Mario Babbo che clima si respira nel suo comitato elettorale in questi ultimi giorni di campagna elettorale?

Un’aria di tranquillità per il lavoro come stato svolto. Sarà l’urna a decidere, ma siamo molto positivi abbiamo potuto toccare con mano il grande riscontro e attenzione per la nostra proposta politica. Proseguiamo con l’umiltà che ci ha contraddistinto da quando siamo partiti.

Oramai tutti danno per scontato il ballottaggio, nel caso sarà lei ad andarci con chi farà apparentamenti?

Non ne abbiamo ancora discusso, toccherà sedersi intorno al tavolo parlare di programmi e cose da fare. È troppo presto per dare una risposta lavoriamo tappa dopo tappa.




I suoi avversari in particolare Tiziano Genovesi del centrodestra l’accusa di essere di fatto un civico diventato candidato del Partito democratico? Cosa risponde?

È una bugia evidentemente non hanno altri argomenti.
Io non ho tessere di partito sono una persona libera, un moderato. e quando con la mia squadra dovevamo scegliere se imboccare la via verso il governo nazionale, unico volano che può portare soldi in questo territorio, si pensi solo al recovery fund, oppure scegliere la via del Papeete. Ebbene, abbiamo deciso di avere un rapporto con il governo, accettando l’alleanza con il Partito democratico che  ha deciso di convergere sul nostro programma, e con cui non ho firmato nessuna cambiale in bianco

In questa campagna elettorale ha tenuto banco anche la questione dei migranti con i 25 che dovevano essere ospitati in una struttura di Paterno, per poi essere trasferiti. Qual è la sua posizione?

L’accoglienza ha bisogno di regole, la gente stanca, le richieste di asilo hanno tempi troppo lunghi.
Voglio poi ricordare che la Lega e Genovesi non hanno alcun merito per il trasferimento in altre località di migranti. E voglio anche ricordare che la struttura di Paterno, inadeguata e fatiscente,  era stata indicata da Matteo Salvini nel 2018,  quando era ministro degli interni. Per il resto preferiamo occuparci di questioni molto più serie e ben più importanti.

Ad esempio quali?

Recuperare 50 milioni di euro tolti dalla Giunta di centro-destra  Marco Marsilio, per gli impianti irrigui del Fucino e che erano previsti nel Masterplan per il sud.C’è poi la partita fondamentale della rete intermodale le porti abruzzesi a quello di Civitavecchia con passaggio obbligatorio ad Avezzano che è già dotato un interporto che diventerebbe in questo asse un app di importanza nazionale.
Il collegamento ferroviario con Roma dovrà essere ridotto a 52 minuti senza che nessuno si inventi che la nuova ferrovia debba passare L’Aquila. Gli altri candidati sindaco che hanno sponsor ai vertici politici aquilani come potrebbero opporsi a questo disegno?

Per quanto riguarda invece l’ospedale?

Ci hanno promesso un nuovo ospedale da anni. Resta il fatto degli ultimi atti in questa direzione gli ha fatti il mio gruppo consiliare per Avezzano, con la sdemanializzazione dei terreni di uso civico dov’è la nuova struttura dovrebbe essere costruita.
L’assessore regionale alla Sanità, la leghista Nicoletta Verì dopo tanti proclami non parla più del nuovo ospedale e nemmeno della necessità di intervenire in quello esistente.
E tanto i cittadini sono costretti a fare anche 30 ore di fila al pronto soccorso e no per colpa dei medici, da 16 primariati si e’  scesi a 4, chirurgia cardiovascolare prevedeva 20 posti letto e oggi, accorpata con chirurgia generale, ne ha soltanto 10. Infine l’assessore Verì ha annunciato tamponi gratuiti per tutti, me la gratuità consiste di spendere 120 euro nelle strutture private. Per la prima volta nella storia di questa Asl il ruolo da direttore sanitario nel silenzio totale del centrodestra cittadino è stato affidato una dottoressa aquilana e non avezzanese”. FT

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: