ISTRUZIONE, PROGETTO “PRETENDIAMO LA LEGALITA'”: CONCLUSA SELEZIONE FINALE NEL TERAMANO

3 Giugno 2021 12:29

TERAMO – Il 12 maggio scorso si è conclusa la fase provinciale del progetto-concorso rivolto agli studenti al fine di promuovere la diffusione della cultura della legalità e del rispetto delle regole.

L’iniziativa è stata rivolta agli alunni della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado.

I momenti di interazione e confronto con gli studenti, curati dalla d.ssa Laura Pratesi e dallad.ssa Anna Fuccidella Questura, quest’ultima “referente” del progetto, si sono svolti nella innovativa modalità di partecipazione su piattaforma digitale istituzionale.
Legalità e Libertàper una educazione volta al rispetto di valori fondanti di una società sana e civile sono gli argomenti di confronto con gli studenti, arricchiti dalla esposizione di esempi concreti di attività di prevenzione e con la proposizione di video istituzionali della Polizia di Stato che hanno illustrato anche aspetti tecnici e operativi, coinvolgendocon entusiasmo i giovani ascoltatori.

In questo difficile tempo di innumerevoli sfide, in cui tutti dobbiamo sentirci interpellati sin da ragazzi in un processo di rigenerazione anche urbana e ambientale, l’invito agli studenti è stato alla partecipazione attiva e dinamica di ciascuno.

E’ stata presentata per gli studenti della Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado la figura emblematica di una vita all’insegna della legalità del Commissario Mascherpa, testimonial d’eccezione del progetto–concorso, e la GraphicNovel edita da Polizia Moderna in cui egli è protagonista, che ha assunto una originale funzione civica ed educativa verso i giovani. Le sue storie di investigazione a fumetti rappresentano, come è stato spiegato agli studenti, anche l’impegno quotidiano degli uomini e delle donne della Polizia di Stato.

La fase finale del progetto, culminata con la riunione in Questura di una Commissione nominata e presieduta dal Questore De Simone, cui hanno preso parte il Capo di Gabinetto De Carolis, il referente del Progetto per la Questura Fuccie la Rappresentante dell’Ufficio Scolastico ProvincialeDe Dominicis, si è realizzata con la selezione a livello provinciale degli elaborati più creativi ed originali sviluppati dagli studenti di ciascuna categoria (scuola primaria di primo grado, di secondo grado, ecc..)sui temi trattatiin videoconferenza.

I lavori, individuali o di gruppo, ritenuti più meritevoli e, pertanto, vincitori in ambito provinciale sono stati inviati alla Segreteria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza- Ufficio Relazioni Esterneper l’esame da parte di una Commissione Centrale e la premiazione dei lavori vincitori a livello nazionale. Per la provincia di Teramo sono stati selezionati i seguenti::

CATEGORIA SCUOLA PRIMARIA: Istituto Comprensivo TE4 “ S.Nicolo’ a Tordino: Scuola Primaria “Serroni” classi 5^ B e 5^ C con il video “ Abbondiamo di Legalità: la ricetta perfetta della felicità “ con la realizzazione della Torta della Legalità;

CATEGORIA SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO: Istituto Comprensivo Castellalto-Cellino “Margherita Hack“ Scuola Secondaria di 1° grado di Castellato – classe 3^ D con un fumetto rilegato in forma digitale dal titolo “ Giu’ le mani dalla sanità “

CATEGORIA SCUOLA SECONDARIA DI 2° GRADO: Istituto di Istruzione Superiore “ Adone Zoli” di Atri, Scuola Secondaria di 2° grado – classe 4^ G con un video dal titolo “ I confini del cuore: diversità ed identità cultura

La Commissione provinciale ha, comunque,preso atto che tutti gli Istituti Scolastici che hanno partecipato hanno realizzato lavori molto ben elaborati e pienamente conformi alle linee di indirizzo, con ciò confermando l’interesse degli studenti verso temi di alto valore morale e civile, di cui si è fatta portatrice nell’occasione la Polizia di Stato.

Sentito il ringraziamento del questore all’Ufficio scolastico provinciale e agli attenti Dirigenti Scolastici che hanno voluto partecipare all’iniziativa, consentendo le varie videoconferenze con i rappresentanti della Questura.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: