“LA MISURAZIONE DEL RISCHIO PER UN BUON INVESTIMENTO”: L’ANALISI DEL CONSULENTE FINANZIARIO BUCCELLA

6 Maggio 2024 08:03

L'Aquila - Economia

L’AQUILA – “Una delle percezioni più comuni sull’investimento è che sia rischioso. È una dichiarazione facile da fare ma difficile da difendere quando si analizzano i dettagli.  Per decidere se investire è rischioso o meno, prima dobbiamo pensare a cosa sia il rischio. A seconda di ciò in cui si sta investendo e degli obiettivi dell’investimento, ci sono diversi modi di pensare e misurare il rischio”.

Lo afferma Daniele Buccella, 40enne aquilano, consulente finanziario indipendente per la Fortress Scf,  la prima fondata in Abruzzo, che ha sede nel capoluogo d’Abruzzo, che per Abruzzoweb continua  a offrire preziosi consigli in materia finanziaria e fiscale.

IL CALCOLO DEL RISCHIO

In termini generali, il rischio nell’investimento si riduce al rischio di consumo futuro. Investire oggi soddisferà le tue esigenze di consumo domani o tra 30 anni? Più specificamente, i rischi più importanti che ogni investitore deve comprendere sono la perdita totale, la volatilità, il rischio non compensato, la dissimmetria e l’inflazione. Ti dirò quali rischi sono importanti per il tuo portafoglio.

È comune pensare al rischio in termini di perdita totale. Investi i tuoi soldi in un’azione, le cose vanno male e i tuoi soldi sono persi. Questo può accadere quando si investe in una singola azione, ma quando si diversifica davvero i propri investimenti, è molto meno probabile. Per un intero mercato azionario e l’indice che lo segue per subire una perdita totale, staremmo parlando di una vera catastrofe economica.

Anche se questo dovesse accadere in un singolo paese, è improbabile che accada anche in tutti gli altri paesi con mercati azionari pubblici funzionanti. Per un investitore adeguatamente diversificato, il rischio di perdita totale è molto basso. Almeno finché il capitalismo continua a funzionare.

Anche per un investitore ben diversificato, la volatilità non è un rischio che scomparirà. Quando la maggior parte dei professionisti e dei produttori di prodotti finanziari parla di rischio, si riferisce alla volatilità. La volatilità è una misura della variabilità dei rendimenti. Un investimento altamente volatile sarebbe atteso avere grandi salite e grandi cadute.

La volatilità spaventa gli esseri umani. Guardare i tuoi investimenti salire alle stelle e poi crollare è stressante per molte persone. Ma la volatilità è un rischio? Beh, dipende. Se stessi investendo denaro di cui hai bisogno domani, allora la volatilità può manifestarsi come un vero rischio.

In un saggio del 2018 pubblicato su una rivista di analisi finanziaria, intitolato “Lezioni di volatilità”, Eugene Fama e Ken French hanno costruito un modello statistico per esaminare la probabilità di premi di rischio negativi su vari periodi temporali.

Per il premio di equità, cioè il rendimento delle azioni in eccesso rispetto al rendimento degli investimenti privi di rischio come i titoli di Stato, hanno scoperto che su un periodo di un anno potrebbe esserci una probabilità del 36% che le azioni ti facciano andare peggio rispetto agli investimenti privi di rischio come i titoli di Stato.

Questo dato è approssimativamente in linea con i periodi storici di un anno nei mercati azionari globali.

Il vero problema riguardo alla volatilità che costituisce un rischio reale per un investitore a breve termine è che in alcuni casi le perdite annuali singole possono essere sostanziali. Se stai investendo denaro di cui hai bisogno nel breve termine, direi entro cinque anni, allora la volatilità è una misura estremamente importante per valutare il rischio di un investimento.





Ad esempio, un investimento in azioni sarebbe troppo rischioso a causa della sua volatilità per denaro che prevedi di utilizzare entro i prossimi cinque anni. Anche un investimento in obbligazioni potrebbe essere troppo volatile per un bisogno a molto breve termine.

Se la volatilità è un rischio reale per te dipende da due cose: l’orizzonte temporale e la tua tolleranza psicologica per la volatilità.

Se hai un orizzonte temporale lungo e un forte stomaco, allora la volatilità è meno rilevante. Ma non può comunque essere ignorata. Anche su periodi più lunghi, Fama e French hanno scoperto che dovrebbe essere possibile per le azioni sottoperformare gli asset privi di rischio. Su 100.000 periodi simulati di 30 anni, hanno scoperto che c’era ancora una probabilità del 4,08% di un premio di equità negativo.

Questa è una delle riflessioni più interessanti del loro saggio perché ci sono pochi periodi storici di 30 anni che abbiamo da osservare nei dati storici reali. Una nota importante sul metodo di Fama e French è che ignora qualsiasi autocorrelazione nei rendimenti delle azioni. Storicamente, i periodi di rendimenti negativi delle azioni sono generalmente stati seguiti da periodi di rendimenti positivi delle azioni.

Se dovremmo o meno fare affidamento su questo tipo di reversibilità alla media nel valutare i risultati futuri è oggetto di dibattito accademico. Per i nostri scopi, penso che sia sicuro dire che a causa della volatilità, è possibile anche se improbabile che le azioni producano un rendimento negativo anche su periodi molto lunghi. In generale, un investimento più volatile avrà un rendimento atteso più alto.

Questo significa che per un investitore a lungo termine con la forza emotiva necessaria per sopportare mercati volatili, un investimento più volatile, come le azioni, potrebbe produrre un risultato atteso migliore rispetto a un investimento meno volatile, come le obbligazioni. Una sottigliezza importante qui è che la volatilità da sola non indica rendimenti attesi più alti. Dipende da cosa sta guidando la volatilità.

Ci sono due tipi principali di rischi che influenzano la volatilità di un asset. Sono il rischio compensato e il rischio non compensato. Il rischio compensato è un rischio sistemico che il mercato incorpora nei titoli.

I prezzi delle azioni sono teoricamente il valore attuale scontato dei futuri guadagni. Assumere un rischio compensato è sensato. Stai acquistando futuri guadagni a uno sconto. Lo sconto è dove proviene il compenso. Più rischio compensato significa uno sconto più profondo sui futuri guadagni, il che significa un rendimento atteso più alto. Il rischio non compensato è molto diverso.

È il rischio specifico di un’azienda, settore o paese. Forse il CEO visionario ha mangiato del tonno scadente e ha iniziato a prendere decisioni discutibili. Un settore viene interrotto o un paese è influenzato dal cambiamento climatico. Un buon esempio è il cambiamento nella composizione del settore dal 1900 a oggi nei mercati statunitensi e britannici. Forse una grossa scommessa sulla tecnologia oggi è come una grossa scommessa sulle ferrovie nel 1900. Questo rischio casuale può manifestarsi in qualsiasi momento.

Quando sei adeguatamente diversificato, questo tipo di rischio può essere quasi completamente eliminato. Ogni volta che possiedi un’azione individuale o scommetti su un settore, il rischio non compensato è sempre in agguato. Potresti comunque beneficiare del rischio compensato, mentre possiedi un’azione individuale o un settore, ma il rischio non compensato specifico per quel titolo potrebbe facilmente e inaspettatamente dominare il tuo risultato finale.

Bene, finora abbiamo trattato la perdita totale e la volatilità come rischi.

A breve termine, la volatilità è un rischio molto concreto. Nel lungo periodo, è meno preoccupante, ma non può essere del tutto ignorata. Abbiamo anche scomposto i fattori della volatilità in rischio compensato e non compensato.





Possedere un’azione tecnologica volatile non significa necessariamente che tu abbia un rendimento atteso alto, perché è probabile che la volatilità sia dominata dal rischio specifico dell’attivo, che non è compensato. D’altra parte, possedere un portafoglio di azioni giustificato dalla diversificazione elimina efficacemente il rischio specifico di una singola azienda o settore, lasciandoti con un rischio compensato del mercato. La concentrazione in un piccolo numero di azioni è rischiosa per più di un motivo.

Esiste una misura statistica chiamata asimmetria che analizza come i risultati sono distribuiti rispetto a una distribuzione normale. Una distribuzione normale vedrebbe quantità simili di risultati con magnitudini simili su entrambi i lati della distribuzione.

Una distribuzione asimmetrica, asimmetrica positiva, nel caso dei rendimenti azionari significa che ci sono più risultati negativi e meno risultati positivi, ma i risultati positivi estremi sono molto più grandi in magnitudine rispetto ai risultati negativi. Un altro modo per pensare all’asimmetria positiva è una distribuzione con una lunga coda destra. Come si è scoperto, l’asimmetria positiva nei rendimenti azionari è sostanziale. Nello studio del 2019,

“Le azioni globali superano i titoli di Stato USA?”, gli autori hanno esaminato 61.100 azioni comuni globali nel periodo dal 1990 al 2018 e hanno scoperto che la ricchezza creata in eccesso rispetto ai titoli di Stato dal mercato azionario durante quel periodo è stata generata dal 1,3% delle azioni nel campione. La maggior parte delle aziende nel campione, il 61% di esse, ha distrutto ricchezza nel secondo periodo considerato.

Questo dovrebbe essere sconvolgente da sentire. Investire nella maggior parte delle aziende ha comportato una creazione di ricchezza a lungo termine negativa. E anche all’interno del campione di aziende che hanno generato ricchezza positiva, è stato solo l’1,3% di esse a essere responsabile della creazione di ricchezza complessiva positiva del mercato. Anche in un portafoglio di azioni sufficientemente diversificato per ridurre il rischio specifico dell’azienda, l’asimmetria positiva significativa nella distribuzione dei rendimenti azionari rende qualsiasi riduzione della diversificazione, rispetto al mercato totale, un rischio significativo.

La soluzione semplice per mitigare i rischi di perdita totale, rischio non compensato e l’asimmetria positiva nei rendimenti azionari è la diversificazione. Che può essere ottenuta in modo economico ed efficace con un fondo indicizzato dell’intero mercato azionario. Abbiamo visto che la volatilità è meno un rischio man mano che ci spostiamo verso orizzonti temporali più lunghi, purché tu possa gestire l’aspetto emotivo di salite e discese.

Per l’investitore più incline al rischio o con un orizzonte temporale più breve, aggiungere alcuni titoli obbligazionari al portafoglio potrebbe avere senso. Questo ci porta all’ultimo e probabilmente al rischio più importante: l’inflazione. L’investimento viene fatto principalmente per facilitare il consumo futuro. Per farlo con successo, l’investitore deve generare rendimenti reali positivi, ovvero dopo l’inflazione.

Per un investitore a lungo termine, uno dei rischi più grandi è che un portafoglio che offre una sensazione di sicurezza, ovvero un portafoglio fortemente ponderato verso le obbligazioni, possa essere esposto a un rischio di inflazione sostanziale. In altre parole, dopo l’inflazione, le obbligazioni potrebbero non fornire rendimenti sufficienti per raggiungere i tuoi obiettivi finanziari.

Dal 1900 al 2018, le obbligazioni globali hanno registrato rendimenti geometrici reali del 1,9%, mentre le azioni globali hanno registrato rendimenti geometrici reali del 5%. Una differenza annualizzata del 3% in 119 anni è sostanziale.

I rendimenti reali più bassi delle obbligazioni mettono in discussione la loro vera sicurezza nel lungo periodo. Nella misura in cui la maggiore volatilità delle azioni è gestibile dal punto di vista psicologico, c’è un forte argomento secondo cui le obbligazioni sono più rischiose delle azioni per un investitore a lungo termine.

Ci sono rischi ovunque, e prendono molte forme, mentre gli investitori sperano di soddisfare i nostri futuri bisogni di consumo. Ci troviamo di fronte al rischio di perdita totale, al rischio non compensato delle singole aziende, settori e paesi, e alla sostanziale asimmetria positiva nei rendimenti azionari.

Tutti questi rischi possono essere affrontati facilmente con un portafoglio globalmente diversificato di fondi indicizzati a basso costo. La volatilità è un rischio per un investitore a breve termine o un investitore emotivo, ma nel lungo periodo, la volatilità rappresenta meno un rischio per il consumo futuro. La riduzione della volatilità può essere ottenuta aggiungendo obbligazioni a un portafoglio, ma i loro rendimenti reali più bassi mettono in dubbio la loro sicurezza in termini di consumo futuro come detenzione a lungo termine.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: