LA RUGBY L’AQUILA SSD SI PRESENTA, IN CAMPO IN SERIE C IL 17 OTTOBRE, “GRANDE PROGETTO SOSTENIBILE”

9 Agosto 2021 17:10

L'Aquila: Abruzzo

L’AQUILA  – “Un artiglio, per riprendere in mano con determinazione il proprio presente”.

Con questo grido di battaglia, sintetizzato nel logo, è pronta a scendere in campo per tenere alto il vessillo della palla ovale del capoluogo d’Abruzzo, la Rugby L’Aquila Ssd, società nata il 30 luglio scorso e che esordirà il prossimo 17 ottobre nel campionato di serie C. Con l’ipotesi che possa anche giocare nel vecchio glorioso stadio Tommaso Fattori, nel cuore della città.

La nuova compagine è stata presentata oggi in conferenza stampa a Palazzo Fibbioni, sede della giunta comunale, alla presenza del sindaco, Pierluigi Biondi, dell’assessore regionale allo Sport, Guido Liris, del presidente Federazione italiana rugby Abruzzo, Marco Molina, e del  presidente del sodalizio sportivo, Mauro Scopano, imprenditore aquilano, amministratore delegato dell’Aterno gas & power.

La nuova compagine si affiancherà al Paganica rugby, che milita in serie B, e all’Aquila rugby Asd, che milita in serie C. Fondatori e soci della nuova realtà un piccolo gruppo di professionisti appassionati della palla ovale: oltre al presidente  Scopano, l’avvocato Marco Castellani, vice presidente, il tributarista Guido Passerini, tesoriere, e l’imprenditore Berardino De Angelis, consigliere.  Tutti presenti in conferenza stampa.

Il primo allenatore è Massimo Di Marco, il direttore tecnico Alessandro Cialone, allenatore degli avanti è Luigi Milani, allenatore dei tre quarti è Roberto D’Antonio, mentre come preparatore atletico è Concetta Milanese. Già tesserati una decina di giocatori, altri firmeranno nei prossimi giorni.

Sul Fattori è stata inoltrata una richiesta ufficiale al Comune dal parte della società. Il  campo di allenamento sarà quello di piazza d’Armi.

“Il nostro è un progetto ambizioso e di lungo termine – ha esordito Scopano -, nasce da una idea coltivata per anni, che ha preso corpo a luglio, con la costituzione della società. Abbiamo già una decina di giocatori tesserati, altri giocatori sono in fase di definizione. Ambiamo a diventare un punto di riferimento regionale del movimento rugbistico. L’approccio più importante è quello della mentalità: c’è una pianificazione a cinque anni, per consolidare una realtà che possa sostenersi autonomamente innanzitutto dal punto di vista economico”.

Ha poi aggiunto. “il nostro obiettivo in termini di risultati e di promozione in serie B?  Non prendo impegni, c’è prima un lavoro da svolgere per strutturare una società solida. Poi ovviamente, per chi mi conosce, non mi piace solo partecipare, ma anche vincere, ma la vittoria va costruita minuziosamente”.

E tiene sottolineare, sul rapporto con le altre società rugbistiche del territorio: “il progetto è assolutamente collaborativo, non c’è contrapposizione, ma complementarietà. Negli anni si sono create diverse realtà, ed è giusto che ognuna abbia la sua autonomia, mettersi insieme necessita una piena condivisone di unità di intenti, e non è detto che possa accadere in futuro”.

Soddisfatto il sindaco Pierluigi Biondi: “Da quando ci siamo insediati, assieme a Guido Liris, allora vice-sindaco, abbiamo dovuto far fronte alla crisi dell’Aquila calcio e dell’Aquila rugby, entrambe con forti deficit economici. Da allora abbiamo lavorato con impegno e silenzio e sono stati fatti importanti passi in avanti. Non posso ora che accogliere con soddisfazione la notizia della nascita di questa nuova compagine, che vanta un  direttivo di qualità. L’allenatore Di Marco offre ampie garanzie. Sono molto ottimista, sui passi che saranno compiuti”.

Sulla stesa lunghezza d’onda l’assessore Liris: “Una delle premure dell’amministrazione regionale è stata di ridare anima, forza e coraggio allo sport cittadino. Il rugby, in particolar modo, ha una storia quasi leggendaria, sotto cui sono cresciute intere generazioni. Ringrazio Scopano, un imprenditore sempre a disposizione della città, anche sul piano dello sport, oltre che in quello sociale”.

“Sono felice di assistere alla nascita di una nuova realtà – ha chiosato il presidente Fir Molina -. L’Aquila è viva dal punto di vista dello sport e del rugby giovanile, si investe bene infatti sui vivai, si sta  creando una base che darà i frutti in futuro. Conosco Mauro Scopano da anni, e posso garantire che ha una innata capacità di realizzare progetti a lunga gittata. Sono convinto che accadrà anche in questa occasione”.

blank

 

LA DIRETTA

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: