LANCIANO, BATTERIO KILLER: MARINA MUORE A 46 ANNI DOPO 21 MESI DI COMA

6 Agosto 2022 16:39

Chieti - Cronaca

LANCIANO –  Gli ultimi 21 mesi passati in coma, a lottare per sopravvivere, contro un “batterio sconosciuto e aggressivo”, poi il tragico epilogo: non ce l’ha fatta Marina Trivilino, commerciante di Lanciano (Chieti) morta a 46 anni.

Come raccontato dalla famiglia al Messaggero, Marina, molto conosciuta per il suo lavoro e per il carattere solare, ha avuto un malore nel novembre del 2020 e da allora la sua vita è cambiata per sempre. Soccorsa dal marito Michele, è stata portata con un’ambulanza del 118 in ospedale dove i medici l’hanno salvata, alcune ore dopo il ricovero, da un arresto cardiaco. In terapia intensiva, la donna ha combattuto anche contro quel batterio, del quale – hanno spiegato i familiari –  non si è mai riusciti a capire l’origine e che le ha contaminato il sangue.

In coma, viene poi trasferita in una struttura riabilitativa delle Marche, a Potenza Picena, dove accenna a lievi miglioramenti: apre gli occhi, segue con lo sguardo le voci nella stanza. Poi un altro cambio di struttura, il trasferimento a Pineto e il ritorno a casa, a Lanciano, dai suoi cari che le sono stati sempre accanto, circondandola di amore, affetto e cure.

Il suo fisico è però, ormai debilitato dall’infezione e da altre complicanze che la strappano alla sua famiglia durante l’ennesimo ricovero in ospedale.

I funerali si sono svolti ieri nella chiesa di San Pietro a Lanciano.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: