LANCIANO: IDRAULICO STRONCATO DA MALORE, LETALE LACERAZIONE ALL’AORTA, SEI INDAGATI. OGGI I FUNERALI

22 Luglio 2022 09:03

Chieti - Cronaca

LANCIANO – È morto per una lacerazione dell’aorta toracica Umberto Persiani, l’idraulico 56enne di Lanciano (Chieti) stroncato giovedì scorso da un malore.

A stabilirlo l’autopsia eseguita ieri all’ospedale di Fermo dal medico legale Cristian D’Ovidio.

Serviranno 60 giorni, spiega Il Centro, per concludere gli accertamenti per stabilire eventuali responsabilità mediche. Erano stati i familiari, assistiti dagli avvocati Carlo De Benedictis e Sandro Sala, a chiedere con un esposto di fare chiarezza sull’improvviso decesso del loro congiunto.

Dalla procura di Lanciano gli atti sono passati a quella di Chieti che ha aperto un’inchiesta e ha indagato sei persone tra i medici e altri sanitari per presunte lesioni colpose da responsabilità medica. Il 56enne era stato operato al cuuore tre anni fa, nel 2019. Il 28 luglio avrebbe dovuto sottoporsi ad un altro intervento.

Lascia la moglie Carmelina, i figli Nicola con Elisa e Silvio, la mamma Antonietta e il papà Nicola, la suocera Clara, le sorelle Palmina e Ada.

I funerali si terranno oggi, alle 16, presso la chiesa di Sant’Antonio a Lanciano.

Toccante il messaggio del sindaco di Treglio, Massimiliano Berghella: “Umberto sei stato un uomo dai principi antichi. Per me sei stato un grande esempio. Per te prima di tutto c’era la famiglia, poi il lavoro, poi il rispetto per gli amici e per il prossimo. Hai avuto una parola buona per tutti, tendevi sempre la mano, generosamente, a chi ne aveva bisogno. Il tuo è stato un altruismo VERO, sincero, disinteressato. Sei stato un uomo profondamente legato alla tua terra e alla natura”.

“Te ne sei andato improvvisamente, senza fare rumore, come per non dare fastidio, ma una persona speciale come te in realtà rimarrà SEMPRE VIVA, perché ogni tuo sorriso, la tua bontà e la tua disponibilità infinita rimarranno SEMPRE VIVE in noi che abbiamo avuto l’onore di essere tuoi AMICI. Non guardare le nostre lacrime, scusaci, ma la tua partenza prematura è un dolore per noi troppo grande. Un abbraccio fraterno alla tua Carmela, ai tuoi amati figli Nicola Persiani e Silvio Persiani , ad Elisa Di Loreto . Le condoglianze più sentite anche ai tuoi genitori, a tua sorella Persiani Ada e alla sua famiglia. Nessun padre e nessuna madre dovrebbe mai assistere alla morte del proprio figlio. Che la terra ti sia lieve Umberto Persiani   ti porterò per sempre nel mio cuore”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: