L’AQUILA, ALLACCI IN CENTRO STORICO: IL PD, “COMUNE DIA RISPOSTE, MANCA COORDINAMENTO”

29 Gennaio 2021 19:58

L'Aquila: Politica

L’QUILA – “Lo sconcerto espresso sulla stampa in merito alla questione degli allacci da Rosanna Pichelli, presidente di un consorzio in zona San Domenico, e da altri numerosi cittadini del centro storico che ci stanno contattando, dovrebbe preoccupare tutti. Soprattutto sconvolge come, per celare la mancanza di coordinamento tra gli attori che lavorano alla rinascita della città, il sindaco preferisca attribuire le responsabilità alla precedente amministrazione. Negare ad alcuni cittadini la possibilità di rientrare nelle loro case ricostruite in centro storico solo perché il Comune e le società di servizi non danno risposte e non predispongono allacci provvisori, la dice lunga sull’assenza di un piano per il ripopolamento del cuore della città; l’assenza di tempistiche certe, come sta accadendo con i vari appalti del cantiere dei sottoservizi, su cui gli attuali amministratori sono in netto ritardo, finisce solo per scoraggiare”.

A scriverlo in una nota Stefano Albano, consigliere comunale Pd L’Aquila e Cristina Equizi, segretario circolo Pd L’Aquila Centro. che aggiungono: ” Nonostante la crisi economica che stiamo vivendo, sorprende la tenacia con cui gli aquilani continuano a investire nel nostro centro storico, tenacia a cui si dovrebbe accompagnare un aiuto istituzionale che latita da qualche anno”.

“Il bando Fare Centro, l’unico strumento ad aver dato finora un impulso decisivo alla collocazione di nuove attività sul Corso, non è stato mai rinnovato da Biondi nonostante i soldi per aiutare i commercianti a riaprire le saracinesche in altre zone del centro siano già in cassa. Con la crisi che sta scontando il settore, negare dei fondi o impedire il rientro di cittadini e attività solo perché mancano le utenze, sono mancanze imperdonabili. Riportare la vita in centro significa anche occuparsi di decoro urbano e garantire servizi, eppure a quasi dodici anni dal terremoto ci sono ancora strade del centro non illuminate e ampie zone carenti di servizi e degradate, come molti cittadini hanno giustamente segnalato riguardo a viale Duca degli Abruzzi. E pensare che gli aquilani pagano una tassa sui rifiuti tra le più alte d’Italia per ritrovarsi intere aree o frazioni abbandonate a loro stesse, seppur abitate”.

“Questi sono gli anni in cui abbiamo un’occasione storica unica: riorganizzare da zero un centro storico di enorme valore architettonico e artistico, dotandolo anche di nuovi servizi efficienti. In quest’ottica si inserì l’ingente finanziamento che il Comune dell’Aquila riuscì ad ottenere dopo il terremoto per realizzare un tunnel intelligente con la tecnologia Ftth, che porta la fibra ad altissima velocità nei palazzi storici della nostra città; è un’infrastruttura di cui possiamo vantarci a livello internazionale, che può permettere in ultima analisi di generare posti di lavoro in settori di recente sviluppo legati ad internet, ma che ad oggi rischia di rappresentare una sorta di incompiuta se non la si fa accompagnare da politiche pubbliche che incentivino l’insediamento di nuove attività”.

“Il Comune, peraltro, dispone di un patrimonio pubblico corposo che può essere utilizzato proprio al fine di attrarre giovani in città, come si era pensato col collegio diffuso Ferrante d’Aragona che avrebbe dovuto portare circa 600 studenti meritevoli in centro storico. I fondi ci sono da un anno, perché non si è saputo più nulla del progetto? La giunta, piuttosto, ha dichiarato recentemente di voler vendere questo patrimonio senza un criterio, che potrebbe essere dettato da un piano di alienazione mai elaborato”.

“Non solo un piano di alienazione: all’Aquila mancano anche un piano urbanistico e un piano parcheggi, carenze che tarpano ulteriormente le ali a una città che ha tanta voglia di vivere. Invece di arroccarsi, il sindaco apra un confronto con le società e promuova una decisa azione perché si realizzino almeno e subito gli allacci provvisori.

Commenti da Facebook
RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: