L’AQUILA, ALTRO PROFILO FACEBOOK FALSO: TOCCA ALLO CHEF STELLATO WILLIAM ZONFA

20 Gennaio 2021 17:54

L’AQUILA – Nuovo profilo social falso per un personaggio noto all’Aquila: dopo il famoso chirurgo estetico Paolo Vittorini, a farne le spese è lo chef stellato Willam Zonfa.

Dal tavolo operatorio quindi a quello della cucina, continua l’attività del fabbricatore seriale dei profili falsi Fb di personaggi noti dell’Aquila, che non riesce a ingannare i followers dello chef William Zonfa.




Nuova vittima di un furto di identità virtuale, è lo chef aquilano, come il noto chirurgo nella giornata di ieri, il quale ha trovato in rete un suo profilo falso che annunciava un evento in diretta e la vincita di 500 euro in denaro. Gli obiettivi della truffa, anche in questo caso, erano i dati delle migliaia di followers dello chef, i quali hanno ricevuto messaggi che chiedevano la registrazione su un sito per concorrere al premio. Se qualcuno dei bersagli ha pensato di potersi guadagnare una cena stellata, ha velocemente dovuto abbandonare la golosa illusione, sbarcando su un sito su cui partiva, in automatico, un abbonamento a servizi sospetti.

Lo chef ignaro del profilo falso è stato avvertito dalle decine di messaggi e chiamate dei suoi followers ed è subito scattata la denuncia alla Polizia Postale. Scattato il tam tam tra i follower in rete, il profilo è stato prontamente rimosso, lasciando dietro se numerose tracce digitali, come i bambini che frettolosamente ripongono il vasetto della marmellata mangiata con le mani. L’operazione del profilo falso di Zonfa e la tentata truffa ai suoi contatti è miseramente fallita perché “il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi”, come ha scherzato lo chef. Il coperchio alla vicenda lo ha, infatti, messo proprio lo che William Zonfa scrivendo un post in cui chiarisce che il profilo non è suo e non c’è nessun premio e nessuna cena gratis stellata.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©



ARTICOLI PER APPROFONDIRE:


    Ti potrebbe interessare:

    Gli articoli più letti in queste ore:

    Do NOT follow this link or you will be banned from the site!