L’AQUILA, BLOCCATA EROGAZIONE DI 200MILA EURO DI REDDITO DI EMERGENZA PER OSPITI CENTRI ACCOGLIENZA

31 Agosto 2021 12:15

L'Aquila: Cronaca

L’AQUILA – La guardia di Finanza dell’Aquila ha concluso una complessa attività in materia di spesa pubblica, finalizzata alla verifica della corretta erogazione dei sussidi economici legati all’emergenza da Covid.

I finanzieri, individuati gli Ospiti dei Cas anche percettori di Rem 2020, intuivano che il citato sussidio – destinato a soggetti, in particolari condizioni di indigenza, economicamente danneggiati dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 – non gli doveva essere erogato, perché già assistiti dallo Stato.

Successivamente, il Magistrato della Corte dei Conti delegato al Controllo presso l’Inps – confermando l’ipotesi dei militari – interessava la Direzione Centrale dell’Istituto che, con una circolare indirizzata a tutte le Direzioni Territoriali, chiariva che il citato ristoro economico non è dovuto agli Ospiti dei Centri di Accoglienza.

A seguito dell’autorevole e concorde interpretazione, i Finanzieri – attraverso l’utilizzo di moderne strumentazioni tecnologiche – rilevavano che circa 200 Ospiti dei Cas siti nella provincia aquilana avevano già percepito o richiesto il Reddito di Emergenza. In particolare, venivano segnalate all’Inps:

– 126 istanze già liquidate, richiedendo la revoca del sussidio e il recupero di circa 130mila euro;
– 125 istanze presentate, ottenendo l’annullamento dell’erogazione di circa 222mila euro.

L’attività, pregevole esempio di collaborazione con la Corte dei Conti, di cui la Guardia di finanza è preminente interlocutore, è testimonianza dell’impegno del Corpo a contrasto dello sperpero delle risorse pubbliche per far sì che le stesse siano destinate correttamente a favore della collettività e dei cittadini che ne hanno diritto.

 

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: