L’AQUILA: CHIESA SAN SILVESTRO, IL DIRETTORE DEI LAVORI, ”NESSUN DANNO, ONDATA ECCEZIONALE DI MALTEMPO”

26 Agosto 2019 21:16

L'AQUILA – “L'acqua è senza dubbio penetrata all'interno della chiesa ma si tratta di un evento eccezionale legato alla particolare e violenta ondata di maltempo che si è abbattuta sull'Aquila sabato scorso. Non risultano danni, quindi, almeno per il momento, non sono necessari interventi di manutenzione”.

Chiude così la vicenda relativa alle infiltrazioni all'interno della chiesa di San Silvestro, il direttore dei lavori, l'architetto Augusto Ciciottti, del segretariato regionale Mibact.

Dopo le foto pubblicate da Abruzzoweb a seguito della considerevole ondata di maltempo che si è abbattuta sul capoluogo nei giorni scorsi, in tanti hanno sollevato dubbi e perplessità sulla buona riuscita dei lavori della chiesa, nel cuore del centro storico dell'Aquila, riconsacrata e riconsegnata alla città il 7 luglio scorso, in seguito al restauro per le gravi conseguenze causate dal sisma di dieci anni fa.

Un importante intervento presentato in pompa magna e che ha avuto eco anche fuori dai confini regionali. L’importo complessivo stanziato per il restauro e il miglioramento sismico della chiesa è stato di oltre 6 milioni e 700 mila euro, e i lavori, dopo lungo e complesso esame dell’iter procedurale, e i consueti ricorsi delle ditte escluse, sono stati affidati ad un’ati guidata dalla ditta Gaspari di Ascoli Piceno.




Secondo il direttore dei lavori, quindi, si è trattato di un evento eccezionale e, almeno per il momento, non è necessario intervenire ma, come precisa ad Abruzzoweb, “continueremo a monitorare la situazione e nei prossimi giorni verranno effettuati ulteriori accertamenti”.

“Ciò che conta – sottolinea Ciciotti – è che ad oggi non siano stati riscontrati danni. Durante il sopralluogo di oggi non è emersa alcuna criticità e, oltretutto, molti punti erano già ormai praticamente asciutti. L'acqua, inoltre, non ha intaccato neanche i preziosi affreschi”.

Ancora preoccupato il giovane parroco don Martino Roberto Gajda che che spera in un monitoraggio ancora più scrupoloso, al fine di scongiurare ogni rischio. (azz.cal.)

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: