L’AQUILA, DE SANTIS: “BENE RESCISSIONE CONTRATTO PARCO PIAZZA D’ARMI, ORA COMMISSIONE VIGILANZA”

30 Agosto 2022 15:52

L'Aquila - Politica

L’AQUILA – “Apprendo che finalmente l’amministrazione comunale, attraverso il rup, ing. Galassi, ha rescisso il contratto di appalto per realizzare il Parco di Piazza d’Armi con la società Rialto costruzioni di Caserta per una serie di ingiustificate modifiche progettuali e di evidenti inadempimenti contrattuali. Io ho seguito per anni questa oscura vicenda, suggerendo più volte alla Giunta comunale proprio questa decisione di rescissione del contratto, dopo aver denunciato, inascoltato, le palesi forzature tecniche ed amministrative che avevano portato la Rialto costruzioni, dopo un ribasso chiaramente anomalo di circa il 50%, a presentare un progetto esecutivo che aumentava l’importo dei lavori da 10.297.290 a 15.445.845 sulla disponibilità complessiva di 22 milioni!”.

Così, in una nota, Lelio De Santis, già assessore e consigliere al Comune dell’Aquila.

“È stato pertinente ed opportuno anche l’intervento dell’Anac per spingere l’amministrazione comunale ad assumere un atto doveroso, anche se tardivo. Ora c’è da salvare il finanziamento per realizzare un’opera importante per riqualificare Piazza d’Armi e  per realizzare spazi attrezzati, strutture sportive ed un Teatro di circa 1.000 posti. È necessario anche intraprendere ogni iniziativa legale ed amministrativa per recuperare le centinaia di migliaia di euro spesi per le responsabilità della Rialto e per riaffermare un principio sacrosanto di legalità nella gestione delle opere pubbliche, anche in considerazione del fatto che era noto a tutti che la Società appaltatrice fosse in concordato preventivo ed era stata esclusa da altri appalti pubblici”.

“A tal fine, mi permetto di suggerire al presidente,  Stefano Palumbo, la convocazione della Commissione di vigilanza per una puntuale valutazione delle procedure eseguite, degli atti assunti e delle eventuali responsabilità ad ogni livello”, conclude De Santis.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: