L’AQUILA: E’ MORTA INSEGNANTE 46ENNE COLPITA DA MENINGITE PNEUMOCOCCICA

19 Gennaio 2020 14:48

 L’AQUILA – Non ce l'ha fatta Liana Salmaggi, la donna ricoverata nei giorni scorsi all’ospedale di L’Aquila per meningite: ha lottato fino alla fine, ma le sue condizioni sono apparse da subito disperate.

Poco fa sono iniziate le procedure per l’accertamento della morte cerebrale, così come prevede la legge.

A comunicarlo una nota della Asl Avezzano-Sulmona-L'Aquila

La paziente era stata ricoverata mercoledì scorso nel reparto di Rianimazione del San Salvatore dopo essere stata colpita da meningite pneumococcica. 

Si tratta di una forma che, come già precisato venerdì scorso dalla Asl, non è contagiosa, non necessita di un’attività di profilassi e dunque non comporta rischi per la popolazione.

Fino all'ultimo la famiglia e i medici hanno continuato a sperato in un migliramento delle funzioni cerebrali.

La 46enne, residente nella frazione di Pianola, dove era molto conosciuta e amata, insegna in un istituto della direzione didattica Amiternum.





Colleghi e alunni si sono stretti attorno al marito e ai due figli, e a tutti i parenti.

Venerdì nella parrocchia del paese il parroco don Luciano Bacale Efua ha presieduto una veglia di preghiera per chiedere la guarigione dell'insegnate.

Il bollettino medico aveva parlato di una situazione grave, i medici avevano però smentito l'ipotesi di morte cerebrale emersa nei giorni scorsi. 

L’azienda sanitaria, che ha profuso tutto il suo impegno per assistere la paziente, a cominciare dai medici della Rianimazione, attraverso il manager Roberto Testa partecipa al dolore dei familiari per la grave perdita.

Immenso dolore nella comunità di Pianola e per tutte le persone che l'hanno conosciuta e hanno avuto modo di apprezzare la sua bontà e la sua gioia di vivere.

“Era una persona speciale, sempre solare, unica – ricordano amici e conoscenti – sempre sorridente e piena di gioia, una leonessa che ha lottato fino alla fine. Vogliamo ricordarla così, con quel sorriso, la dignità e il coraggio, che l'hanno sempre contraddistinta nella vita, Ciao Liana, ciao leonessa resterai nei nostri cuori per sempre”.

Al marito, ai figli, al fratello e a tutta la famiglia le condiglianze da parte della redazione di AbruzzoWeb.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!