L’AQUILA: EMERGENZA CORONAVIRUS, SALTA LA FIACCOLATA VITTIME DEL TERREMOTO, MINI CORTEO CON 3 PERSONE

24 Marzo 2020 19:20

L'AQUILA – Non si svolgeranno, per l'emergenza coronavirus, corteo e fiaccolata per la commemorazione delle vittime del sisma del 2009, in programma all'Aquila il 6 aprile prossimo, per l'undicesimo anniversario del terremoto che ha causato la morte di 309 e il ferimento di circa 1.500 persone: alla luce del fatto che i divieti il 3 aprile prossimo si protrarranno, la ipotesi che sta prendendo forma potrebbe essere una cerimonia con due tre familiari delle vittime e il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi, naturalmente a debita distanza, che percorra il solito tragitto al quale negli anni passati hanno partecipato migliaia di persone, passando per i luoghi dove c’è stato il maggior numero di vittime, tra cui la casa dello studente, che per la occasione saranno illuminati; poi, in piazza Duomo ci sarà un momento di raccoglimento con la commemorazione delle 309 vittime, molto probabilmente, senza la lettura dei nomi.

Amministrazione comunale, esperti di sicurezza della protezione civile e comitati familiari delle vittime, comunque, sono in costante contatto: in particolare, nei prossimi giorni sarà reso noto il calendario degli eventi.






“La fiaccolata non si fa, c'è la proposta di illuminare i punti principali, ad esempio via XX settembre, con i suoi cinque-sei punti, la casa dello studente, piazzale Paoli, la Villa comunale, Via Gabriele d'Annunzio, corso Vittorio Emanuele e il convitto – spiega Antonietta Centofanti, del comitato dei familiari delle vittime della Casa dello studente – Con il sindaco e due tre familiari delle vittime, con un lenzuolo bianco con i nomi delle 309 vittime, dovremmo percorrere il tragitto solito. Mi sembra inevitabile che quest'anno vada così, come familiari delle vittime siamo sempre impegnati sul fronte della sicurezza a tutto campo, che è una nostra ragione di vita, ora la sicurezza ci obbliga a commemorare i nostri cari scomparsi, isolati ma vicini nella memoria, e quindi dobbiamo rispettare le regole imposte dalla emergenza coronavirus”.

Anche il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi, annuncia che “la fiaccolata per la commemorazione delle vittime del terremoto del 6 aprile 2009 non potrà svolgersi secondo le modalità degli anni passati. Il nostro servizio di Protezione civile, unitamente ad un tecnico esperto di sicurezza, d'intesa con i familiari delle vittime, sta studiando una formula alternativa. Se, come possibile, l'emergenza dovesse protrarsi oltre la data del 3 aprile, così come attualmente stabilito nei Dpcm che sono stati emanati dal governo, si dovrà pensare, almeno per quest'anno, ad alimentare il ricordo in maniera differente”, conclude Biondi.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!