L’AQUILA: FALLIMENTO PER FRAMIVA METALLI
DRAMMA PER 60 LAVORATORI

27 Luglio 2020 15:52

L'AQUILA – “Alle 19:30 di venerdì 24 luglio la temuta tegola si è abbattuta violentemente sulle teste dei circa 60 lavoratori della Framiva e delle loro famiglie. Già negli scorsi mesi le Organizzazioni Sindacali avevano lanciato ripetuti messaggi d'allarme e oggi purtroppo gli stessi lavoratori che nel 2012 hanno subìto sulla loro pelle il fallimento Otefal (peraltro non ancora concluso), sono vittime di un ulteriore fallimento, quello Framiva! Un vero record!”.

Questo il commento di Elvira Simona De Sanctis segretario generale Fiom-Cgil della provincia dell'Aquila sulla drammatica vertenza della Framiva.  Il tribunale di Busto Arsizio venerdì scorso ha detto no al concordato preventivo proposto  al dall'imprea di Varese, che nel sito di Bazzano occupa 60 lavoratori

Domani è in programma l'incontro con il Curatore fallimentare.





Intanto la Fiom-Cgil, attraverso l'ufficio vertenze, si è immediatamente attivata per avviare i passaggi formali e consentire ai Lavoratori di recuparare i crediti che vantano nei confronti della Framiva.

“Questo territorio non può certo rischiare di perdere posti di lavoro perché non è in grado di riassorbire nel tessuto produttivo coloro che perdono l'occupazione. Pertanto, in relazione al fallimento Framiva, la FIOM ritiene che la prima cosa da fare, con l'appoggio di tutte le Istituzioni (Comune, Provincia, Regione, Prefettura), sia quella di capire se ci siano prospettive concrete di cessione dell'attività a un nuovo soggetto con conseguente riassorbimento occupazionale. In tal caso ci sarebbe anche la possibilità di poter accedere, per il periodo transitorio, alla cassa integrazione straordinaria, secondo quanto previsto dal decreto Genova, dando una prima risposta ai Lavoratori, così intensamente provati, attraverso il sostegno al reddito della CIGS”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!