L’AQUILA: IL RITORNO DI PALAZZO CAPPA CAPPELLI, ”LAVORI A TEMPO RECORD, SI SPERA NEI NEGOZI”

di Giulia Di Cesare

16 Novembre 2014 10:40

L'Aquila -

L’AQUILA – Sarà palazzo Cappa Cappelli uno dei primi storici palazzi dell'Aquila a tornare in tutto il suo splendore lungo la parte larga di corso Vittorio Emanuele, nel cuore del centro storico.

“Un palazzo antico, fu costruito nella prima metà dell’800 e nel corso della storia ha subito diverse modifiche – spiega ad AbruzzoWeb Giansaverio Cappa – La piazzetta su cui affaccia il palazzo una volta era un vero e proprio cortile, che venne espropriato nel 1930 quando si fece il piano regolatore cittadino”.

La vetrata che si può ammirare ancora oggi nella  parte posteriore del palazzo venne pensata proprio a seguito dell’esproprio del cortile.

“Quando la piazzetta faceva parte del palazzo – prosegue Cappa – al posto della vetrata c’erano dei balconi. Poi si è pensato di chiuderli con una vetrata per garantire una maggiore privacy alle persone che ci abitavano”.

Uno dei palazzi che hanno accompagnato la storia della città e che, una volta ristrutturato assumerà un ruolo fondamentale nella nuova vita cittadina.

Il restauro è stato imponente, con un finanziamento di quasi 9 milioni di euro. I lavori, però, sono andati avanti celermente al punto che, molto probabilmente, il palazzo verrà riconsegnato prima del termine previsto.

“In realtà per la fine dei lavori si era previsto agosto 2015, ma credo che riuscirà a riaprire prima, probabilmente a inizio anno – svela Cappa – Non sappiamo ancora se torneremo a viverci subito, in quella zona sono ancora molti i cantieri aperti e le condizioni di vita non sarebbero delle più facili. Comunque la nostra intenzione è di tornare, quando ancora non lo sappiamo, dipende da come si evolverà la situazione nella zona”.

I lavori sono stati effettuati sotto il controllo scrupoloso della Soprintendenza. All’interno dell’edificio, infatti, sono presenti affreschi e mosaici di grande interesse artistico.

“Già prima del terremoto del 6 aprile 2009 si potevano ammirare i dipinti al primo piano che affrescano le volte e i pavimenti a mosaico veneziano. Tutte queste opere sono state restaurate durante i lavori e potranno nuovamente essere ammirate una volta che il palazzo tornerà a essere aperto”, racconta Cappa.

Oltre a essere abitato da privati nei piani alti, l'edificio era anche sede di importanti ed eleganti negozi sul livello strada. Purtroppo “Luisa Spagnoli” ha chiuso il suo punto vendita nel capoluogo abruzzese, ma saranno molti i negozianti che vorranno accaparrarsi una posizione così importante lungo il corso.

“Quello che spero è che i negozi decideranno di tornare da queste parti, altrimenti continuerà a essere un centro monotematico – conclude Cappa – Una città non si può reggere solo sui locali, abbiamo bisogno di negozi, di botteghe”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: