L’AQUILA IN LUTTO: E’ MORTO LO STORICO GIORNALISTA AMEDEO ESPOSITO, ”SOPRAVVIVRANNO I SUOI SCRITTI”

14 Novembre 2019 22:29

L'AQUILA –  Il giornalismo abruzzese piange Amedeo Esposito, storico giornalista aquilano.

“Apprendo con sgomento e con profonda costernazione della scomaprsa del giornalista Amedeo Esposito, esponente conosciuto e di spicco del mondo dell’informazione aquilana e profondo conoscitore della storia della città”.

Sono le parole del sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, appena appresa la notizia.






“Giornalista dell’Ansa per lunghissimo tempo, poi, negli ultimi anni, infaticabile ed erudito collaboratore del Messaggero e del Sole24ore, – ha proseguito il sindaco – ma anche autore di interessanti scritti, non solo giornalistici, su particolari aspetti della storia della città, spesso basati su puntuali e approfondite ricerche documentarie. Animatore della vita e delle istituzioni culturali cittadine, appassionato conoscitore della musica classica, era stato tra gli ideatori e promotori, con Angelo De Nicola, Tommaso Ceddia ed il compianto Ludovico Nardecchia della storica rievocazione di Sant’Agnese e del premio Agnesino, con lo scopo di promuovere la conoscenza e la valorizzazione delle più antiche tradizioni aquilane, avvicinandole alle nuove generazioni. Negli anni ha conservato intatto l’entusiamo e il profondo attaccamento alla città. Oggi – ha concluso Biondi – ci sentiamo tutti più poveri. L’Aquila piange una grave perdita ma sopravvivranno i suoi scritti, i suoi insegnamenti ed il suo esempio. Le più sentite condoglianze mie personali e della Municipalità tutta”.

“Mi ha colta di sorpresa la morte di Amedeo. Una brutta sorpresa. Ero una studentessa del liceo quando l’ho conosciuto. Per me allora era il papà di un amico intelligente e attivo nei movimenti studenteschi. Amedeo era innanzitutto il padre di Fabrizio, ed era il giornalista con l’originale papillon. Negli anni poi la conoscenza è diventata stima e rispetto. E negli ultimi anni si è trasformata in ammirazione e grande affetto. Era lì con noi ogni 25 aprile ed in ogni evento che ripercorresse la storia e la gloria di questa nostra città. Brillante difensore della storia e dei valori Dell’Aquila, sempre pronto a segnalarmi disfunzioni, pericoli di scippi al capoluogo, possibili nuovi percorsi. Amava la Biblioteca Provinciale, ne era sempre stato un frequentatore innamorato ed era il suo cruccio. Peccato sia andato via senza poter rientrare nella Biblioteca ricostruita. Provo grande affetto per questo uomo gentile e raffinato che non incontrerò più, condoglianze alla sua amata famiglia ed alla comunità dei giornalisti abruzzesi che perdono un uomo speciale”, si legge in una nota della deputata del Pd Stefania Pezzopane. 

Alla famiglia le condoglianze da parte della redazione di AbruzzoWeb.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: