L’AQUILA: NOBILE FAMIGLIA PICA ALFIERI VENDE TUTTO,IL MARCHESE S’INDIGNA

di Sara Ciambotti

4 Ottobre 2012 17:07

L’AQUILA – È un vero e proprio sfogo quello ad AbruzzoWeb del nobile aquilano Fabrizio Pica Alfieri che, nel suo non voler rilasciare dichiarazioni sulla decisione “dolorosa” di svuotare il palazzo di via Bafile di tutte le opere d’arte e gli arredamenti, vendendo ogni cosa, si sbottona, spiegando la sua rabbia.

“È molto tempo che abbiamo messo in vendita queste cose e solo adesso che la Soprintendenza si sta muovendo i giornali si sono interessati della faccenda”, sbotta.

Un’amarezza nata dopo articoli di stampa sulla messa all’asta di alcuni beni della pinacoteca della storica famiglia aquilana: una delle opere, tra l’altro, dovrebbe proprio rimanere in città, acquistata dalla Carispaq.




“Quello che i giornali hanno spiattellato sulle loro pagine non è condivisibile – prosegue Alfieri – Hanno parlato abbondantemente di cose che non sanno e invece non hanno parlato di quello che sanno, entrando nella sfera privata della famiglia”.

“Nessuno ha avuto rispetto per quello che è successo e per il nostro dolore, e nessuno si è preoccupato di avere il minimo riguardo nei confronti delle persone. I giornali hanno dimostrato a tutti gli effetti quello che è L’Aquila”, conclude amareggiato.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: