L’AQUILA: RESTA ISOLA PEDONALE, BIONDI SU MOVIDA, “NON SIAMO AL BRONX”, MA ANNUNCIA PIU’ CONTROLLI

6 Luglio 2021 09:38

L'Aquila: Abruzzo

L’AQUILA – Si è concluso con un nulla di fatto, senza un documento approvato dall’assise, dopo una seduta fiume, il consiglio comunale dedicato alla cosiddetta “movida violenta” dell’Aquila, e sulla contestata isola pedonale. A consumarsi lo scontro, interno alla maggioranza, tra il sindaco di Fratelli d’Italia, Pierluigi Biondi e il capogruppo di Forza Italia, Giorgio De Matteis.

Non è stata così ritirata la delibera di istituzione dell’isola pedonale, che chiude il centro alle auto dalle 19 alle 24 e, nel fine settimana, dalle 11 del sabato alla mezzanotte della domenica, come chiesto da un centinaio firmatari, tra commercianti del centro, che denunciano perdite di fatturato anche del 70% nel fine settimana, per la difficoltà accresciuta di raggiungere i loro negozi in auto, proprietari di casa che hanno aperto attività di b&b e professionisti che lamentano la mancanza di parcheggi per la loro clientela.

Una trentina dei quali presenti a Palazzo dell’Emiciclo, dove si è svolta la seduta dell’assemblea. Biondi si è collegato da casa, per motivi di salute.

Il sindaco, ringalluzzito dal sondaggio del Sole 24 ore, che lo vede ottavo in Italia per gradimento, ha difeso la delibera di istituzione della ztl, spiegando che “eventuali modifiche dovranno essere proposte dal consiglio, con un documento formale”, e ha respinto la narrazione di una movida fuori controllo, selvaggia e addirittura violenta. “L’Aquila non è il Bronx”, ha tagliato corto, annunciando però di aver chiesto al prefetto un incremento delle attività di vigilanza.

De Matteis ha invece sostenuto che “gli episodi di degrado che ormai vengono segnalati quotidianamente da negozianti e residenti dimostrano che alcuni fenomeni non sono occasionali”. ha invocato rispetto delle regole, e modifiche all’isola pedonale per non danneggiare le attività economiche.

All’attacco l’opposizione, che ha evidenziato che il consiglio straordinario è nato da uno scontro interno alla maggioranza, e che in ogni caso è mancata la concertazione con residenti, commercianti e professionisti, per quel che riguarda l’isola pedonale.

Il vice sindaco Raffaele Daniele, l’assessore Carla Mannetti e Fabrizio Taranta hanno incontrato in ogni modo una delegazione di commercianti e residenti, che hanno ribadito la loro richiesta: rivedere gli orari dell’isola pedonale e stabilire la chiusura dalle 20 alle sei del mattino, anche nel fine settimana. E soprattutto subordinare la realizzazione dell’isola pedonale, alla creazione di parcheggi in prossimità del centro, stigmatizzando lo stato di abbandono del mega parcheggio di Collemaggio.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: